Una scena dello spettacolo

Cosa hanno in comune un medico che è anche divulgatore scientifico e giornalista e un comico tra i più amati della televisione italiana? Michele Cassetta e Gene Gnocchi si incontrano sul palcoscenico del Teatro Alighieri, sabato 30 novembre alle 21, per “Flow – La mente latente”, il sorprendente spettacolo-racconto che spiega come funziona il nostro cervello, sospeso fra istinto e ragione, e come le nostre convinzioni determinano la nostra vita e quella degli altri.

Circa 30.000 volte al giorno, inconsapevolmente, scegliamo comportamenti che ci aprono la strada verso gli infiniti futuri possibili che abbiamo davanti: ci comportiamo in modo automatico, guidati dai programmi mentali che si formano in base alle esperienze che facciamo. Conoscendo il funzionamento di tali programmi è possibile modificarli perché rappresentino una risorsa piuttosto che una limitazione.

 È questa la riflessione al centro dello spettacolo firmato da Michele Cassetta (la regia è affidata ad Antonio Lovato). Cassetta è un medico con il pallino della comunicazione, impegnato sul fronte della divulgazione scientifica, anche come autore e conduttore di trasmissioni radiofoniche e televisive. Per portare in scena i più recenti esiti di una profonda e singolare ricerca sulle neuroscienze ha creato una drammaturgia che si arricchisce del contributo dell’attore e conduttore Gene Gnocchi e delle musiche di Gianluca Petrella. In scena anche Giovanna Famulari, musicista dallo spirito eclettico.

Lo spettacolo è presentato da Confindustria Romagna – Gruppo Giovani Imprenditori in collaborazione con il Teatro Alighieri, con il patrocinio del Comune di Ravenna e il sostegno di Italiana Assicurazioni – Reale Group. Biglietti da 10 a 20 Euro Speciale giovani: under 14 5 Euro, under 18 e universitari (under 30) riduzione 50% Info www.teatroalighieri.org – Tel. 0544 249244