CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 82

“Nei gesti quotidiani dei nostri sacerdoti c’è l’amore di Dio. Sostieni la loro missione con un’offerta. Un abbraccio fraterno, una parola di conforto, un momento di preghiera condivisa… con i loro gesti i nostri sacerdoti ci trasmettono l’amore di Dio..” Questo il senso della 31esima Giornata nazionale delle offerte per il sostentamento dei sacerdoti diocesani che si celebra il 24 novembre anche nella nostra diocesi.

Queste offerte concorrono a rendere possibile la remunerazione mensile dei 30.985 sacerdoti secolari e religiosi a servizio delle 224 diocesi italiane e dei 2.956 sacerdoti che, per ragioni di età o di salute, sono in previdenza integrativa. Sono sostenuti così anche circa 400 sacerdoti impegnati nelle missioni.

“Per realizzare un progetto sono necessarie tante cose e tra queste, risorse e persone. Nella comunità cristiana quando si vogliono realizzare dei progetti, un ruolo primario lo ha il sacerdote perché è il punto di riferimento, il garante e la guida della comunità – spiegano gli incaricati diocesani del Sovvenire delle Diocesi emililano-romagnole –. Sostenere un sacerdote significa permettergli di dedicarsi a pieno servizio per la comunità, per continuare a realizzare progetti che aiutino ad incontrare Dio, a far incontrare le persone e ad educare alla comprensione del senso e del valore della vita. È possibile sostenere con un’offerta i sacerdoti italiani”.

Il materiale informativo si trova nelle parrocchie oppure le indicazioni e le informazioni del sito www.insiemeaisacerdoti.it aiuteranno a ricordare le quattro modalità. “E’ bello ed importante pensare che dopo tanti progetti realizzati c’è certamente qualcuno che ancora ne realizzerà tanti altri ed è altrettanto bello ricordare che nei gesti quotidiani di un sacerdote che realizza progetti, c’è l’amore di Dio”.