Bruno Philippe

Sarà il palco del teatro Alighieri a ospitare quest’anno il tradizionale Concerto di Natale promosso da Emilia Romagna Concerti e dal Comune, assessorato alla Cultura, lunedì 9 dicembre alle 21. Sul palcoscenico del Teatro Alighieri si esibirà come di consueto la Young Musicians European Orchestra, diretta per l’occasione dal giovane Maestro Matteo Parmeggiani, con tre solisti: l’oboista Simone Fava, “storico” primo oboe dell’Orchestra, il violinista Vikram Sedona, apprezzatissimo violinista vincitore di concorsi internazionali e il violoncellista francese Bruno Philippe, già avviato a una carriera concertistica e discografica di livello mondiale.

In programma di esecuzione il Concerto in la maggiore per oboe e orchestra di Corelli, nella trascrizione novecentesca di sir John Barbirolli, il Concerto in do maggiore per violoncello e orchestra di Haydn, il Concerto in sol maggiore n.3 k 2016 di Mozart e le celeberrime Danze rumene di Bartok. A chiudere il concerto 170 piccoli coristi provenienti dalle scuole Guido Novello, Randi e Filippo Mordani di Ravenna, dalle scuole Primaria e Secondaria di Castiglione di Ravenna, dalla scuola san Vincenzo di Lugo e dalle scuole Primaria e Secondaria di Modigliana e Tredozio che intoneranno tre canti di Natale preparati con le loro insegnanti.

“Si rinnova anche quest’anno la preziosa collaborazione tra il Comune ed Emilia Romagna Concerti per la realizzazione del Concerto di Natale – afferma l’assessora alla Cultura Elsa Signorino – con un debutto: è molto significativo che questa edizione si svolga per la prima volta sul palco del teatro Alighieri, la cui platea è stata appena riqualificata. Sono sicura che il concerto sarà come sempre un successo grazie ai giovani musicisti e ai maestri scelti dalla cooperativa. A questo si abbina il lodevole impegno caritatevole che fin dalla prima edizione contraddistingue il Concerto”.

Come ogni anno il Concerto ravennate rientra in una serie di iniziative musicali internazionali: dopo le tappe italiane di Forlì (7 dicembre) e Ravenna toccherà alla chiesa di santa Caterina alla Natività di Betlemme (11 dicembre) e alla chiesa di Notre Dame (Gerusalemme) sotto la direzione del Maestro Paolo Olmi.

Il Concerto di Ravenna ha anche una grande valenza solidale: tutti i partecipanti sono invitati a portare beni di prima necessità quali: pasta, biscotti, tè, caffè, olio di semi e d’oliva, prodotti per l’igiene personale come shampoo, bagno schiuma, dentifricio e spazzolini da denti. Tutto il materiale ricavato sarà raccolto e distribuito dalla Caritas di Ravenna e dal Banco Alimentare alle persone e alle famiglie in difficoltà in occasione delle festività natalizie.

Da alcuni anni la presenza in Terra Santa della Young Musicians European Orchestra è anche una occasione per incontrare i pazienti, i medici e le famiglie del Caritas Baby Hospital, struttura che si prende cura gratuitamente di tutti i bambini, sia israeliani che palestinesi o giordani. La sera del Concerto si potranno anche fare offerte per questa realtà indispensabile in Palestina.

Al termine della conferenza stampa di questa mattina ai Chiostri francescani, l’associazione Aiuto Bambini Betlemme che si occupa del Caritas Baby Hospital ha conferito, tra gli altri, al Comune di Ravenna un riconoscimento per il sostegno dimostrato. Tutto il progetto natalizio è reso possibile dai contributi del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Ministero degli Esteri, Consolato Generale d’Italia a Gerusalemme, Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv, Regione Emilia Romagna, Cidim. A sostenere inoltre l’evento gli sponsor Sapir, Cna, Conad, Rotary Club di Cervia e Cesenatico e Lions Club.

Il Concerto di Natale fa parte dell’abbonamento alla stagione “Capire la Musica”. I biglietti ancora disponibili hanno un costo da 5 a 30 euro e si possono acquistare presso la biglietteria del Teatro Alighieri oppure online su www.teatroalighieri.org