“Quanta acqua hai consumato e come, rispetto all’anno scorso?” “Hai cambiato le tue abitudini?”: sono questi alcuni dei quesiti contenuti nel “Diario dei Consumi”, uno strumento creato dal Gruppo Hera e messo a disposizione gratuitamente dei propri clienti per il servizio idrico affinché, monitorando quantitativamente e qualitativamente il proprio utilizzo della risorsa, giungano ad autoregolarsi e a mettere in pratica comportamenti più consapevoli e virtuosi.

Prima multiutility in Italia ad avere introdotto una simile opportunità per questo servizio, Hera ha sviluppato il progetto sperimentale in collaborazione con il Department of Management, Economics and Industrial Organization del Politecnico di Milano. Questa partnership ha lo scopo di analizzare e validare i dati di consumo degli utenti coinvolti, verificando l’effettiva efficacia dell’attività di sensibilizzazione svolta.

Il progetto prevede l’invio ai clienti che abbiano fornito all’azienda il proprio indirizzo e-mail, al momento della attivazione del contratto o successivamente, di un “Diario dei Consumi” con le loro abitudini e consigli per un migliore utilizzo dell’acqua.

In particolare, il report fornisce il confronto di consumo del cliente con il consumo medio di utenze simili e virtuose. Inoltre, descrive il suo comportamento nel tempo, in base ai suoi consumi, e fornisce utili consigli per il risparmio idrico domestico.

Il progetto è già attivo ed entro quest’anno saranno attivati al Diario dei Consumi circa 78.000 clienti acqua, di cui oltre 6.800 nel Ravennate. Nei prossimi quattro anni saranno coinvolti progressivamente tutti gli utenti acqua che abbiano comunicato al Gruppo Hera il proprio indirizzo e-mail, ovvero circa 200.000 clienti, dei quali oltre 34.000 nel territorio di Ravenna.