In tanti alla fiaccolata per Elisa
In tanti alla fiaccolata per Elisa

“Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene”. E’ con questo passo della Lettera ai Romani, scritto nello striscione appeso all’altare, che la piccola chiesina di Glorie ha accolto i tanti partecipanti alla fiaccolata in ricordo di Elisa Bravi, la giovane mamma uccisa dal marito la scorsa settimana, fiaccolata che si è svolta lunedì sera, con partenza dalla sua casa di via Aguta.

L’altare della piccola chiesa di Glorie prima della celebrazione di lunedì

In tanti sono arrivati da Glorie, da Mezzano, ma anche da Villanova e da Alfonsine per pregare per Elisa, le sue figlie e la sua famiglia, prima con il Rosario e poi con la Messa celebrata da don Marco Farolfi, parroco di Glorie e da don Andrea Bonazzi, quello di Mezzano. Gli scout hanno suonato e cantato per tutto il percorso, mentre gli altri recitavano il Rosario.

Per la Messa delle 21 sono arrivati altri fedeli e la chiesa si è riempita. La Messa è stata animata dal coro di Glorie. Il nostro paese, ha detto don Marco nell’omelia, in questi giorni purtroppo è balzato agli onori delle cronache per questa tragedia: ora proviamo a “riparare” quest’immagine, recuperando il valore della solidarietà. “Non possiamo più rimanere nelle nostre comodità egoistiche, ma dobbiamo tutti uscire di casa andando incontro agli altri, come questa sera con questa fiaccolata”.

Alla fine della celebrazione anche don Andrea ha preso la parola per portare la solidarietà della comunità di Mezzano a quella di Glorie. Durante la serata, sono state raccolte offerte per le due figlie di Elisa.