Un momento della celebrazione per la Giornata della Vita Consacrata di sabato mattina in Duomo
Un momento della celebrazione per la Giornata della Vita Consacrata di sabato mattina in Duomo

L’Arcivescovo di Ravenna-Cervia, monsignor Lorenzo Ghizzoni, ha celebrato questa mattina in Cattedrale la Messa per la Giornata per la Vita Consacrata alla quale hanno partecipato molti del religiosi e delle religiose che operano nel territorio della Diocesi. Un’occasione anche per fare festa insieme di alcuni anniversari “tondi” di professione solenne.

01–02-2020 -ravenna-duomo messa per la giornata vita consacrata

In questo 2020 ricorre il 45° anniversario per padre Luciano Chistè, giuseppino del Murialdo, il 60esimo di padre Pietro Gandolfi, scalabriniano e il settantesimo di padre Vittorio Tordi, frate minore conventuale. Per le religiose: suor Letizia Rabitti e suor Marcella Dus dell’istituto Tavelli festeggiano il 60esimo, suor Maria Teresa Abrahami, delle suore missionarie di Maria Immacolata, ricorda il 25esimo.

 “Siamo entrate insieme – racconta suor Letizia Rabitti a Risveglio Duemila, parlando della consorella suor Marcella – pur venendo da esperienze diverse”. Mentre lei è di Meldola, suor Dus è originaria di Oderzo (Tv), entrambe, però, hanno sentito la vocazione alla vita religiosa da giovanissime. “Mi ispirò la ‘tristezza’ che prova il giovane ricco davanti alla proposta di Gesù – dice suor Letizia –. Decisi che io volevo seguirlo e non essere triste, con l’aiuto di don Mario Coatti, parroco a Cortina di Russi, feci la mia scelta”. “Vedere la forza e la gioia con cui una suora pregava, in chiesa – precisa invece suor Marcella – mi diede una grande spinta e la determinazione a entrare nella congregazione delle Tavelli. Qui ho trovato la mia strada”.