2020 ricco di impegni per la Cappella Musicale della Basilica di San Francesco

Sta per iniziare la stagione 2020 della Cappella Musicale della Basilica di San Francesco con particolare riferimento ai progetti “Musica&Spirito” e “Incanto Dante. La Divina Commedia letta d’un fiato”.
Domenica 19 gennaio ci sarà l’apertura della rassegna dantesca, tra musiche, eseguite dalla stessa Cappella Musicale, letture e proiezioni di immagini tratte da pubblicazioni conservate nella Biblioteca del Centro Dantesco di Ravenna. Il coordinamento delle letture è a cura di Chiara Lagani, e per questa nuova stagione sarà dedicata al Purgatorio e ai primi 10 canti del Paradiso.
La Basilica di San Francesco di Ravenna si rivela un magnifico teatro per questo genere di rappresentazioni. Il potere evocativo della parola di Dante incontra il misticismo del luogo sacro, per riportare lo spettatore al centro dell’universo dantesco.
Sono otto gli appuntamenti mensili per approfondire la conoscenza della Divina Commedia.

Il primo concerto in programma per la tradizionale manifestazione di musica barocca “Musica&Spirito“, verrà eseguito domenica 26 gennaio alle ore 18.30 dopo la messa in Basilica. La rassegna, divenuta ormai un apprezzato classico del genere, arriva alla sua nona edizione consapevole di essere cresciuta sia per quantità, che per qualità della proposta. Lo studio preparatorio e l’accurata esecuzione ne hanno garantito il successo crescente, sia di critica che di pubblico. Dodici gli appuntamenti annuali con alcune date davvero imperdibili.

“Entrambe le rassegne organizzate intendono sottolineare l’impegno della Cappella Musicale nella valorizzazione della cultura, non solo musicale, della città. Un modo per avvicinarsi al centenario dantesco – si legge nella nota diramata dalla Cappella Musicale – con un linguaggio originale fatto di fusione tra musica, teatro e riflessioni spirituali. Le iniziative culturali che negli anni la Cappella Musicale della Basilica di San Francesco ha saputo proporre hanno dimostrato di incontrare il favore del pubblico”.