Il nuovo consiglio di Ac

E’ stato eletto domenica 19 gennaio il nuovo consiglio diocesano di Azione Cattolica che, come da statuto, resterà in carica per tre anni. L’elezione è avvenuta nel corso dell’Assemblea diocesana elettiva, intitolata “Ac casa per tutti”, tenutasi nella parrocchia di Santa Maria del Torrione e iniziata con la Santa Messa. Il Consiglio ha la seguente composizione.

Settore adulti: Fabiola Ruffato, Francesca Masi, Matteo Casadio, Mauro Brighi; giovani: Alessio Mingozzi, Francesca Pagnani, Enrico Pomo e Maria Dima; Azione Cattolica Ragazzi: Chiara Ugolini, Pietro Berardi, Alessandra Landini e Mattia Pace. Nelle prossime settimane il Consiglio si riunirà e proporrà poi all’Arcivescovo una terna di nomi per la nomina del presidente. Spetterà a monsignor Lorenzo Ghizzoni poi indicare chi sarà a guida dell’Ac per il prossimo triennio.

E monsignor Ghizzoni è intervenuto durante i lavori pomeridiani, affermando tra l’altro che “La fede ha tante sfide: soprattutto l’appartenenza alla fede. E’ un punto importante per chi vive l’Azione Cattolica. Si cerca di appartenere alla Chiesa, non quella ideale, ma quella concreta. Abbiamo bisogno di laici che si aprano al servizio, che vadano oltre la propria realtà, generosi, che si lascino formare e inviare per un servizio alla Chiesa. Io credo che la Chiesa di domani sarà fatta da gente che sceglie il cristianesimo, non più da quelli che vengono per per tradizione”.

E’ intervenuto anche il presidente di Ac uscente, Stefano Alberani che ha tracciato un bilancio del cammino percorso dall’associazione e indicato il cammino che la attende. All’assemblea era presente Monica Del Vecchio, responsabile della promozione associativa a livello nazionale, che ha portato la sua esperienza.