Uno dei carri della sfilata 2019
Uno dei carri della sfilata 2019

Sarà di nuovo festa anche quest’anno per le vie della città e del mare per il Carnevale 2020. Il Comitato Carnevale Città di Ravenna è all’opera per riproporre le due sfilate che quest’anno si svolgeranno il 16 febbraio a Ravenna, con partenza alle 14.30 da via di Roma (davanti alla chiesa di Santa Maria in Porto) e domenica 23 febbraio alla stessa ora a Lido Adriano, con partenza da Viale Virgilio. Il percorso a Ravenna partirà appunto davanti a Santa Maria in Porto e proseguirà in Viale Santi Baldini, via Alberoni, per tornare in via di Roma. A Lido Adriano invece si parte da Viale Virgilio per proseguire in Viale Petrarca, Viale Ariosto, Viale Marziale e ritornare in Viale Virgilio.

La conferenza stampa di presentazione questa mattina in Curia

“Il mondo che vorrei” è il tema sul quale si stanno misurando le parrocchie che hanno aderito all’iniziativa: quest’anno si tratta di 17 realtà che daranno vita a 15 carri diversi (in due casi le parrocchie collaborano per realizzare un unico carro). E c’è anche una new entry: Porto Corsini con il tema “UniAMOci” che promette di dare battaglia al campione in carica, San Rocco, che invece si presenta con il tema “Pinocchio: quando i desideri diventano realtà”.

Come tutti gli anni, ci sarà anche la Lotteria del Carnevale con un ricco carnet di premi, a partire da una Skoda Fabia, e tanti buoni spesa nei supermercati e in alcuni negozi della città. E, proprio grazie alla Lotteria, quest’anno si raccoglieranno fondi per le famiglie bisognose della Caritas diocesana.

Al termine della sfilata a Lido Adriano verrà consegnato al vincitore, carro o gruppo mascherato, che avrà meglio espresso lo spirito del Carnevale, il Trofeo del Carnevale 2020, e ci saranno anche premi per il secondo e il terzo classificato. La Pro-Loco di Lido Adriano premierà inoltre tre carri o gruppi mascherati che riterrà degni di menzione, con una Ceramica di Faenza. Le sfilate di quest’anno saranno aperta dal Gruppo Folk italiano Alla Casadei. Mentre, come tutti gli anni, La Centrale del Latte e Deco offriranno ai bambini una bevanda calda e biscotti per merenda.

“E’ un appuntamento che riproponiamo – ha spiegato l’Arcivescovo di Ravenna-Cervia, monsignor Lorenzo Ghizzoni – visto il successo che ha e il peso per la città e il significato per le parrocchie che con questa festa riescono a coinvolgere famiglie e bambini”. “Il Carnevale è un momento di catechesi – aggiunge il vicario generale diocesano e il responsabile del Carnevale don Alberto Brunelli – perché che nella vita ci sono momenti diversi: di gioia da un lato ma anche di serietà e preparazione di momenti importanti, come la Pasqua. La differenza è da cogliere, per tutti. E anche i bambini vanno aiutati a cogliere che c’è un tempo della festa e un tempo diverso”. “Grazie alla Curia dell’opportunità che dà al Comune di essere qui presente – ha aggiunto il vicesindaco Eugenio Fusignani – ma soprattutto alla città di vivere questo evento che è caratterizzato appunto di un tipo di divertimento sano, con valori importanti sia per chi crede che per chi non crede”

Ecco tutti i carri allegorici che parteciperanno al Carnevale con i relativi temi: S. Biagio “Il mondo che vorrei… un mare più pulito”, S. Lorenzo in Cesarea “Il mondo che vorrei tra cuori e colori”, SS. Redentore – S. G. Operaio, “Costruiamo il futuro”, S. Maria in Porto con “Un mondo in musica”, Fosso Ghiaia con “Un mondo puffoso”, Porto Fuori, con “Dolce come una festa di compleanno”, Lido Adriano   con “Il giramondo”, Santa Teresa con “Il mondo delle api, Cittàttiva con “Non tutti gli eroi indossano una maschera”, Porto Corsini  con “UniAMOci”, Piangipane con “La bellezza dell’arte: un museo a cielo aperto”, Marina di Ravenna con “Il mondo che vorrei… te lo sogni”, San Rocco con “Pinocchio: quando i desideri diventano realtà”, Campiano e San Pietro in Campiano con “Il mondo della tradizione: evviva la Romagna evviva” e S. Vittore, con “Dalla spiga al pane un mondo senza fame”.