La sfilata davanti a Santa Maria in Porto

Il Carnevale dei Ragazzi dedicato all’ex sindaco Fabrizio Matteucci, deceduto oggi all’età di 62 anni per un malore . L’annuncio è arrivato all’inizio della manifestazione dal palco del Carnevale dei Ragazzi, con una nota che ricorda anche il legame tra Matteucci e il Carnevale: “Con immenso dolore abbiamo appreso della morte di Fabrizio Matteucci – spiegano dal Comitato –.Vogliamo ricordare la sua gioia di vivere , la esprimeva tutta quando partecipava al Carnevale, quando dava il via alle sfilate assieme al nostro Arcivescovo“.

“E’ sempre stato sostenitore del Carnevale – proseguono gli organizzatori del Carnevale –:disse più di una volta che ‘Aveva ragione il cardinal Lercaro quando diceva che il Carnevale di Ravenna esprimeva un sano divertimento’. Abbiamo sempre collaborato con la sua amministrazione e non ci ha mai fatto mancare nulla. Vogliamo stringerci a sua moglie Simona e al figlio Sayo. Pensiamo sia giusto dedicare questo carnevale a Fabrizio perchè sia un giorno di festa, a cui lui avrebbe partecipato“.

E questo è stato, come tutti gli anni, la filata di oggi del Carnevale dei Ragazzi di Ravenna, come si vede da queste foto: una festa, fatta di coriandoli, creatività e comunità. Al centro un tema che ha stimolato la fantasia, “Il mondo che vorrei”, che ognuno ha declinato in base alla sua sensibilità: dal mondo dell’arte fatto sfilare dalla parrocchia di Piangipane, al profondo blu di un mare più pulito di San Biagio, dal mondo contadino e romagnolo (con tanto di azdora che tirava la sfoglia) di Campiano, ai pannelli solari e all’ecologia del Ss. Redentore e San Giuseppe Operaio. Un modo per far pensare tutti, col sorriso.

E’ il Carnevale delle parrocchie ma anche quello della città – ha sottolineato l’arcivescovo , monsignor Lorenzo Ghizzoni, dando il via alla sfilata –, fatto di festa, gioia, vita”.