“I due aspetti innovativi di Stadera sono: il fatto che i soci collaborano insieme per far crescere il punto vendita, ognuno in base alle proprie competenze e donando del loro tempo, e poi la vendita per quanto possibile, di soli prodotti biologici e a impatto ambientale zero”. Così uno dei ventun soci fondatori definisce la Cooperativa Stadera, costituitasi ufficialmente il 15 febbraio scorso di fronte a un notaio, con il contributo di 21 soci fondatori e l’approvazione dello statuto.

Dopo tanti mesi di incontri, lavoro e progettazione finalmente Stadera vede la luce e si prepara a grandi passi all’allestimento ed alla gestione del suo primo punto vendita, la cui apertura è prevista con l’arrivo della primavera.
“Siamo estremamente soddisfatti” commentano i fondatori “trovare una così ampia adesione dimostra una fiducia nel progetto che non era scontata, e che pone basi solide e concrete per lo sviluppo della cooperativa”.

Naturalmente – spiegano – la base associativa è molto più ampia: dopo i passaggi formali, a breve la neo cooperativa aprirà le porte alle adesioni sociali, contribuendo così a strutturare il supermercato autogestito dai soci che permetta di acquistare prodotti di qualità, il più possibile locali e biologici ad un prezzo accessibile e competitivo.
Il socio infatti è al tempo stesso proprietario, cliente e volontario direttamente coinvolto nella gestione della struttura per circa 3 ore ogni 4 settimane.
Chiunque può aderire alla cooperativa, scrivendo a: info@staderacoop.it o rimanendo
aggiornati sulle attività in cantiere sulla pagina Facebook “Stadera”.