La Prefettura
La Prefettura

Nel pomeriggio di ieri si è tenuto in Prefettura un incontro per esaminare la situazione nell’ambito del Porto di Ravenna in relazione allo stato di emergenza sanitaria dichiarato dal Consiglio dei Ministri a seguito della diffusione del virus 2019-ncov (nuovo corona virus). Alla riunione, presieduta dal Prefetto, hanno partecipato il sindaco ed il vice sindaco, i vertici delle Forze dell’Ordine, il Comandante della Capitaneria di Porto, il Comandante dei Vigili del Fuoco, il Direttore dell’Ufficio di Sanità Marittima, il Direttore dell’Ufficio delle Dogane, dirigenti dell’Autorità Portuale e di diversi Dipartimenti dell’Ausl di Ravenna, nonché i responsabili del 118.

Nel corso dell’incontro, pur prendendo atto che al momento non sono stati rilevati fattori di rischio, si è proceduto all’esame delle procedure di carattere sanitario che vengono attuate all’ingresso di navi nel porto, per verificare l’opportunità di un potenziamento dei controlli.

In tale ottica, il Direttore dell’Ufficio di Sanità Marittima ha sottolineato le difficoltà connesse alla carenza di organico; ha, comunque, assicurato che adotterà ogni misura organizzativa atta a fornire un più alto livello di controlli, valutando, in particolare, la possibilità di ampliare ulteriormente le fasce orarie di operatività dell’ufficio, in modo da consentire accertamenti più accurati e il rilascio in tempi brevi della certificazione di “Libera pratica sanitaria”. Tale certificazione, che attesta l’assenza di problematiche sanitarie, è prevista per ciascuna nave che comunichi l’accesso nel porto e autorizza la nave stessa ad iniziare tutte le operazioni di tipo commerciale e/o di sbarco ed imbarco di passeggeri.

In relazione, poi, alla carenza di organico del predetto ufficio si provvederà a sottoporre il problema nuovamente all’attenzione del Ministero della Salute, nonché del Commissario Delegato all’emergenza, per richiedere una soluzione in tempi brevi.

I presenti hanno, inoltre, convenuto sulla necessità di avviare ogni iniziativa volta ad assicurare, in ambito portuale, una corretta informazione sul virus, sulle modalità e potenzialità di diffusione, nonché sulle procedure che vengono adottate per le navi in ingresso e i rispettivi equipaggi onde attestarne l’integrità sanitaria.

Per l’attività informativa gli enti portuali potranno avvalersi dell’apporto professionale degli operatori sanitari della Ausl; in tal senso è stata fornita ampia disponibilità da parte dei dirigenti Ausl presenti, i quali si sono impegnati anche a verificare la possibilità di porre in essere ulteriori misure, che possano agevolare l’attuazione degli adempimenti di controllo sanitario previsti in ambito portuale, nell’ottica di garantire la massima tutela della salute pubblica e di tutti coloro che a diverso titolo operano in quell’area.

La situazione del porto sarà costantemente seguita e monitorata, così come sarà garantito un continuo scambio informativo tra tutti gli enti interessati allo scopo di consentire una tempestiva e congiunta trattazione di ogni eventuale anomalia sanitaria.