Il Prefetto di Ravenna, Enrico Caterino, firma il protocollo d'intesa sulle gare podistiche e ciclistiche

Nel corso di un incontro tenutosi in Prefettura è stato siglato il nuovo Protocollo d’intesa sulle “procedure di autorizzazione allo svolgimento di competizioni ciclistiche e podistiche su strada e sulla costituzione del tavolo di concertazione”.

A siglare il Protocollo sono stati il Prefetto, dott. Enrico Caterino, il dirigente della Sezione di Polizia Stradale di Ravenna, dottoressa Luperto, e i rappresentanti degli enti locali e delle società sportive maggiormente attive sul territorio. All’incontro erano presenti, tra gli altri, Eleonora Proni, vicepresidente della Provincia di Ravenna e presidente dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna; Enrico Fusignani, vicesindaco di Ravenna; Massimo Medri, sindaco di Cervia; Umberto Suprani, presidente regionale del Coni e Francesca Doria, presidente comitato provinciale Fci (Federazione Ciclistica Italiana).

Il documento aggiorna il Protocollo già in essere dall’anno 2012 e prevede l’istituzione di un “Tavolo di concertazione” con il compito di esaminare le criticità legate alle manifestazioni ciclistiche e podistiche su strada, studiare soluzioni condivise e approvare linee guida per l’organizzazione e la gestione delle gare, in sintonia con le direttive ministeriali del 27 novembre 2019 e in continuità con la prassi già in essere tra le competenti Amministrazioni del territorio.

La partecipazione al Tavolo di concertazione, composto dagli enti sottoscrittori del Protocollo, è aperta anche agli enti e associazioni di promozione sportiva che ne faranno formale richiesta alla Prefettura – U.T.G. di Ravenna.

La sottoscrizione del nuovo Protocollo e l’istituzione del Tavolo di concertazione mirano a favorire un percorso comune, fondato sul dialogo tra istituzioni ed enti di promozione sportiva, al fine di contemperare le istanze di un territorio che guarda allo sport come valore identitario da tutelare e promuovere, con le esigenze di sicurezza e di mobilità dei cittadini e degli altri utenti della strada.