Si registrano 32 nuovi casi, 22 uomini e 10 donne, positivi al coronavirus oggi, in provincia di Ravenna. E purtroppo anche un morto, un 80enne già gravato da varie patologie, trasportato in ospedale e purtroppo deceduto alcune ore dopo. Dei nuovi pazienti, 19 sono ricoverati, sebbene in condizioni non gravi, 12 in isolamento domiciliare. Il decesso si aggiunge a quello di ieri in una struttura sanitaria privata, spiega la Provincia.

L’indagine epidemiologica sui nuovi pazienti ha consentito di verificare che uno ha contratto il virus nell’ambito di spostamenti lavorativi al di fuori della provincia e altri cinque attraverso contatti con persone che nei giorni scorsi a loro volta si sono spostate per lavoro o altro motivo. Anche gli altri pazienti, precisa la Provincia, hanno casi accertati tra cui altri due indirettamente legati alla palestra di cui si è parlato nei giorni scorsi ed uno è operatore di una struttura sanitaria privata.

Si registrano anche tre guarigioni cliniche, una donna e due uomini. Complessivamente i casi salgono a 185, di cui 13 residenti fuori provincia, 76 nel Comune di Ravenna, 26 a Faenza, 21 a Cervia, 16 a Lugo, cinque a Russi e ad Alfonsine, quattro a Bagnacavallo, sette a Castelbolognese, quattro a Conselice, due a Massa lombarda e Sant’Agata sul Santerno, uno a Solarolo, Cotignola, Brisighella e Riolo Terme. In circa 45 casi è stata identificata la frequentazione di località al di fuori della provincia caratterizzate da importante circolazione virale. Proseguono da parte del dipartimento di Sanità pubblica le indagini epidemiologiche approfondite per identificare il prima possibile tutti i possibili contatti dei pazienti Covid-19 e porli in isolamento. Recentemente queste indagini stanno identificando in punti diversi del territorio gruppetti di casi correlati tra di loro. Dunque, “è di fondamentale importanza che i cittadini rispettino le regole vigenti limitando i loro spostamenti”.

Sono invece 70 i morti con covid-19 nelle ultime 24 ore in Emilia-Romagna. Passano in totale da 461 a 531. I nuovi decessi sono 17 donne e 53 uomini. Si tratta di 29 residenti nella provincia di Piacenza, sette in quella di Parma, sette in quella di Reggio Emilia, 12 in quella di Modena, cinque in quella di Bologna (nessuno del territorio imolese), sette a Rimini, uno a Ravenna e uno a Forlì; una persona deceduta era residente fuori regione. Sono 260 le persone ricoverate in terapia intensiva  (13 in più rispetto a ieri) e salgono a 177 (ieri erano 152) le guarigioni.

A livello regionale l’epidemia di Coronavirus ora aggredisce Reggio Emilia, che nelle ultime 24 ore ha fatto segnare ben 194 positivi in più: con questi nuovi, su Reggio ‘pesano’ 608 casi. Non giungono ancora i segnali sperati da Piacenza, che ha avuto tra ieri e oggi altri 88 casi (il totale sale a 1.428), mentre a Parma, altra provincia molto colpita, ha registrato (però in due giorni) altri 69 casi (totale 869). Rimini vede 78 contagiati in più e sale a 691, Modena +88 (663), Bologna +70 (465), con una crescita attorno al 20% dei casi. Dati piu’ bassi nel resto della Romagna e a Ferrara, +32 a Ravenna (185 in tutto), +34 a Forli’ e +22 a Cesena (227 totali) e +14 a Ferrara, che sale a 78.

La media regionale è una crescita del 14% circa, un “trend di crescita costante, che non si impenna ma non cala neppure”, chiosa il commissario per l’emergenza Sergio Venturi, che aspetta sempre a cavallo del fine settimana un appiattimento della curva, per poi “vedere la luce” (Dire).