Ravenna sono 29 i nuovi casi riscontrati oggi, quasi il triplo rispetto ai dieci di ieri: ma i tamponi non sono tutti delle ultime 24 ore. Il conto porta comunque a un totale a 153 contagiati nel territorio. Dei nuovi 29, spiega la Provincia di Ravenna, 16 sono uomini e 13 donne.

Quattordici pazienti sono ricoverati, sebbene la maggior parte di loro non abbia sintomi gravi, mentre 15 sono in isolamento domiciliare volontario poiché privi di sintomi o con sintomi lievi.

Intanto, le indagini epidemiologiche hanno consentito di verificare che nove pazienti hanno contratto il virus nell’ambito di spostamenti al di fuori della provincia o attraverso contatti con persone che si sono spostate per lavoro o altro motivo, precisa la Provincia. Tredici, invece, sono contatti con casi accertati precedentemente, tra cui un altro caso indirettamente legato alla palestra di cui si é già parlato. Per i restanti sono ancora in corso le indagini epidemiologiche.

Rispetto al numero di positività riscontrate, la Provincia evidenzia dunque che alcuni dei tamponi non risalgono alle ultime 24 ore ma al giorno precedente, e che sono stati notificati insieme a quelli di oggi per motivi di ordine tecnico legato al laboratorio. In generale, comunque, “si può considerare con tutta probabilità che queste positività riguardano persone che sono state esposte prima dell’introduzione delle più recenti e rigorose misure per il contenimento del virus, che potranno dunque mostrare i loro effetti più avanti nel tempo”. Intanto ci sono altre quattro guarigioni cliniche. 

Sono 525 i nuovi casi di coronavirus in Emilia-Romagna nelle ultime 24 ore, per un totale di 4.525 positivi dall’inizio dell’emergenza. Un tasso di crescita eccessivo secondo il commissario per l’emergenza Sergio Venturi. “Questo – dice Venturi durante la consueta diretta Facebook di aggiornamento sulla situazione coronavirus in regione- comincia a non soddisfarci, perché vorremmo vedere un picco che non vediamo ancora. Ci sara’ ancora molto da lavorare”. In aumento anche i decessi (65 in più) e i pazienti ricoverati in terapia intensiva (24 in più, per un totale di 247).

Dei 65 deceduti con coronavirus nelle ultime ore in Emilia-Romagna (ma manca il dato di Rimini) ben 34 provengono dalla provincia di Parma. I 50 uomini e le 15 donne deceduti provengono dalla provincia di Piacenza (12 morti), da Reggio Emilia (cinque) e Modena (quattro), Bologna (cinque), e Cesena (uno), mentre quattro provengono da fuori regione. Uno dei decessi di Bologna è un cittadino di Medicina.

Per quanto riguarda invece i 525 nuovi positivi, in questo caso manca però il dato non pervenuto da Parma, ben 136 riguardano Piacenza, che raggiunge quota 1.340. “Da lì ripartiremo”, confida il commissario per l’emergenza sanitaria Sergio Venturi, che pero’ non vede ancora l’atteso calo dei contagi. Anche Modena fa un balzo di 115 casi (575 in tutto), lo stesso di Reggio Emilia (414 in tutto). Bologna sale a 395 contagi (di cui 113 a Imola) con 62 casi in più, di cui 13 a Imola. Forlì-Cesena 171 (di cui 78 a Forlì, quattro in più rispetto a ieri, e 93 a Cesena, 23 in più rispetto a ieri) infine  Ferrara ha 64  positivi, sei in più rispetto a ieri (Dire).