754 casi in più in Emilia-Romagna, 28 in più a Ravenna. Sono queste le cifre fornite dalla Regione nel consueto aggiornamento giornaliero fornito dal commissario alla salute Sergio Venturi.
In Emilia-Romagna sono complessivamente 5.968 i casi di positività al Coronavirus, su 20.753 i campioni refertati, mentre sono saliti a 213 i casi di contagiati in provincia di Ravenna.

I dati totali Complessivamente, sono 2.491 le persone in isolamento a casa (295 in più rispetto a ieri); 267 quelle ricoverate in terapia intensiva (7 in più rispetto a ieri), 239 (62 in più rispetto alle 177 di ieri) le guarigioni, 219 delle quali riguardano persone “clinicamente guarite”, ma purtroppo anche 640 i decessi: 109, quindi, quelli nuovi, di cui 36 donne e 73 uomini. Dei nuovi decessi 3 riguardano residenti nella provincia di Forlì (qui i casi di contagio sono oggi 250, divisi tra i 118 di Forlì e i 132 di Cesena), e 1 a Rimini (dove il numero dei contagiati ha raggiynto quota 757).

I dati in provincia di Ravenna E’ la Provincia, come sempre, nella sua puntuale nota giornaliera, a fornire le notizie essenziali relative ai nuovi casi di contagio. “Dei nuovi 28 casi comunicati oggi dalla Regione, 17 sono relativi a uomini e 11 a donne. Otto sono ricoverati, sebbene in condizioni non gravi, mentre 20 sono in isolamento domiciliare poiché privi di sintomi o con sintomi lievi. Di questi pazienti, 5 hanno verosimilmente contratto il virus nell’ambito di spostamenti lavorativi al di fuori della provincia mentre gli altri rappresentano contatti con casi accertati tra cui altri 4 casi indirettamente legati alla palestra di cui si è parlato nei giorni scorsi. Si è purtroppo verificato un ulteriore decesso, in un paziente di 79 anni, residente fuori provincia e ricoverato in una struttura privata.
Complessivamente i casi sono, dunque, 213, così distribuiti per Comune:
13 residenti al di fuori della provincia di Ravenna
93 nel comune di Ravenna
28 nel comune di Faenza
25 nel comune di Cervia (“Quattro i nuovi contagi di positività riscontrati oggi. Si tratta di due donne e due uomini di età compresa tra i cinquanta e i sessant’anni. Solo uno di essi è stato ricoverato all’Ospedale di Ravenna”, dice il sindaco Massimo Medri in una nota).
17 nel comune di Lugo
8 nel comune di Castelbolognese
7 nel Comune di Alfonsine
5 nel comune di Russi
5 nel Comune di bagnacavallo
3 nel comune ci Conselice
2 Massa lombarda
2 Sant’Agata Santerno
2 Cotignola
1 Solarolo
1 Brisighella
1 Riolo Terme

In oltre 50 casi è stata identificata la frequentazione di località al di fuori della provincia caratterizzate da importante circolazione virale. Il Dipartimento di Sanità Pubblica continua incessantemente a svolgere indagini epidemiologiche approfondite per identificare il prima possibile tutti i possibili contatti dei pazienti Covid e porli in isolamento. Recentemente queste indagini stanno identificando in punti diversi del territorio gruppetti di casi correlati tra di loro. E’ di fondamentale importanza che i cittadini rispettino le regole vigenti limitando i loro spostamenti solo alle situazioni di lavoro e necessità”.

101 nuovi posti letto
E’ proseguito anche oggi a ritmo serrato il lavoro della rete ospedaliera dell’intero territorio per attuare il piano di rafforzamento regionale. In tutta l’Emilia-Romagna, tra ieri e oggi, sono stati infatti allestiti ulteriori 101 posti letto per i pazienti colpiti da Coronavirus, che complessivamente passano da 3.023 a 3.124, tra ordinari (2.707) e di terapia intensiva (417). In Romagna oggi sono 441 i posti letto a disposizione: 201 a Rimini, 82 a Ravenna e Cesena, 55 a Forlì, 12 a Lugo e 9 a Faenza. Di questi, i posti in terapia intensiva sono complessivamente 70 (27 a Rimini, 12 a Ravenna, 8 a Forlì, 17 a Cesena, 6 a Lugo).

Volontariato
Continua ad aumentare il numero dei volontari di protezione civile impiegati nelle attività di gestione dell’emergenza: nella giornata di ieri sono stati 379 quelli attivi in Emilia-Romagna, il numero più alto dal 23 febbraio; 2.364 le giornate complessive. Il numero più consistente (103 volontari di ANPAS e CRI regionale) opera a supporto del lavoro sulle ambulanze; a disinfettare e sanificare le ambulanze stanno, inoltre, operando 14 volontari di Piacenza e 12 di Parma; prosegue anche l’attività dei volontari ferraresi per il trasporto di campioni sanitari.
Quanto alle attività di assistenza alla popolazione – a supporto dei Comuni, per consegnare la spesa e farmaci alle categorie più fragili – i numeri di volontari più cospicui si riscontrano a Parma (45), Rimini (43), Ferrara e Modena (38), Forlì-Cesena 24.
Altri volontari sono impiegati in attività di logistica nei magazzini regionali e di segreteria nei punti triage allestiti nelle strutture ospedaliere.

Ultimi interventi
Da lunedì è in funzione a Meldola il punto triage davanti all’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (IRST); volontari del coordinamento di Forlì-Cesena, con la supervisione dei tecnici del Servizio Area Romagna, hanno allestito nel parcheggio adiacente all’Istituto una tenda pneumatica 4 archi e due gazebo, destinati al triage infermieristico: si tratta di un vero check point sanitario, presso il quale tutti gli utenti vengono visitati prima di accedere all’Istituto. In totale sono 31 i punti triage allestiti finora: 10 davanti alle carceri (a Modena è stata smontata parte delle installazioni servite fino a ieri) e 21 davanti agli ospedali, tra cui quello di Argenta.

Dispositivi di protezione individuale

Dal Dipartimento nazionale di protezione civile sono pervenute 284.000 mascherine Montrasio, 19.050 mascherine ffp3, 1.800 mascherine ffp2, 379.000 guanti sterili. Altre 10.000 mascherine chirurgiche sono in arrivo dall’Agenzia di protezione civile del Lazio, nell’ambito dei rapporti di solidarietà fra le Regioni. In distribuzione, oggi, 22.000 mascherine Montrasio per ogni ambito provinciale.

Donazioni
Per chi vuole contribuire al sostegno alle strutture sanitarie così duramente messe alla prova e all’acquisto di materiale sanitario, è attiva una raccolta fondi attraverso un bonifico con la causale: Insieme si può l’Emilia-Romagna contro il Coronavirus.
I versamenti vanno effettuati sul seguente Iban: IT69G0200802435000104428964