A seguito della diffusione dell’infezione da Covid 19, e nell’ottica di riconvertire per quanto possibile, in maniera graduale ed equilibrata, i servizi alla risposta a tale situazione, l’orario di apertura del Punto di Primo Intervento del Comune di Cervia viene temporaneamente convertito ad orario diurno “H12”, cioè dalle ore 8 del mattino alle 8 di sera.

Tale decisione, operativa da oggi, sabato 21 marzo, tiene conto anche del fatto che da un recente monitoraggio risulta un utilizzo molto limitato di tale struttura, soprattutto in orario notturno, e della vicinanza di un’analoga struttura a Cesenatico, cui l’utenza si potrà riferire nella fascia notturna.

Per contro tale riconversione, operativa sempre dalla giornata di oggi, consente di dedicare il personale medico e infermieristico alla gestione di pazienti affetti da Covid presso l’Ospedale di Ravenna e, in prospettiva, a quei pazienti che, dopo la fase acuta, potranno eventualmente aver bisogno di convalescenza con riabilitazione respiratoria.

“Comprendiamo l’emergenza in cui ci troviamo e lo sforzo eccezionale che sta facendo l’Ausl Romagna – ha dichiarato il sindaco di Cervia Massimo Medri – per prestare soccorso e cure a tutti i cittadini, in questo momento straordinario, a causa dell’aumentare dei casi di Coronavirus, per questo comprendiamo la necessità dell’Azienda di prendere momentaneamente questa decisione. Ricordiamo a tutti i cittadini che è una situazione non ordinaria e di emergenza e che non perdurerà nel tempo, ma ad ogni modo garantirà a tutti le cure adeguate e l’utenza notturna nei vicini Ospedali di Cesenatico e Ravenna”.