Termina domani, giovedì 5 marzo, la fase di attenzione per gli incendi nei boschi, aperta il 14 febbraio e rinnovata il 27 per tre settimane complessive.  Questo grazie alla mutata situazione meteo caratterizzata da piogge, neve e temperature in calo, confermata dalle previsioni dei prossimi giorni e dallo stato della vegetazione.
I provvedimenti che avevano fatto scattare la fase di attenzione, emanati dal direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, Rita Nicolini, erano stati assunti dopo le valutazioni congiunte con la Direzione regionale dei Vigili del fuoco, il Comando Regione Carabinieri Forestale e Arpae E-R.
In questo inverno particolarmente secco e caratterizzato da temperature elevate, nonché da periodiche, forti raffiche di vento, sono stati censiti 31 eventi, in gran parte incendi di arbusti e di sottobosco, che hanno richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco, il più rilevante dei quali in località Borgo Tossignano (Bo).

La situazione verrà riesaminata in caso di evoluzione negativa del quadro meteorologico. Dal 6 marzo, dunque, tornano in vigore le disposizioni standard, come previste dal Regolamento Forestale regionale approvato il 1^ agosto 2018 (in particolare, l’articolo 58). Resta la raccomandazione alla cautela nel bruciare stoppie, legname e residui vegetali, evitando le giornate ventose e limitandosi alle prime ore del mattino.

L’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile ricorda che prima di procedere agli abbruciamenti, è sempre obbligatorio darne comunicazione ai Vigili del Fuoco. Numero Verde: 800841051.

Tutte le notizie su www.regione.emilia-romagna.it