La proposta era stata lanciata direttamente dall’Arcivescovo di Ravenna-Cervia, monsignor Lorenzo Ghizzoni, in una lettera indirizzata ai genitori dei bambini del catechismo (la potete leggere qui). L’idea è che la catechesi non si fermi appunto, attraverso una serie di schede e strumenti , predisposte dall’Ufficio Catechistico diocesano da utilizzare in famiglia per tutta questa strana Quaresima. Com’è noto, infatti, fino alla riapertura delle scuole anche il catechismo è sospeso nelle parrocchie.

Questa situazione, scrive l’Arcivescovo può essere una opportunità per “riscoprire il valore della comunità, dello stare insieme, sentendo che il nostro destino non dipende solo da noi stessi, ma anche dal comportamento degli altri: solo se sapremo restare tutti uniti potremo superare e vincere questo difficile momento”.

Al cuore dell’essere comunità (civile e religiosa), prosegue l’Arcivescovo, “percepiamo sempre più la centralità della famiglia se non altro per la “parola d’ordine” che tutti dobbiamo assolutamente seguire in questi giorni: ‘restate a casa’”. Di qui l’invito: “Facciamo uso del tempo in modo nuovo, per fare spazio al dialogo genitori-figli e anche alla preghiera in famiglia”. Anche attraverso le schede per momenti di catechesi familiare “che potrete vivere insieme ai vostri figli in questo ‘tempo sospeso’, per non perdere l’opportunità della Quaresima come occasione forte per rinsaldare il nostro cammino di fede”.

Di seguito, è possibile scaricare la scheda relativa alla quarta domenica di Quaresima: