Nuovo giro di vite per arginare la diffusione del Coronavirus. Da oggi, informa la Provincia, saranno chiusi i cimiteri in tutto il territorio provinciale (l’accesso consentito solo agli operatori di servizio e alle persone coinvolte nel rito delle Esequie), sospese tutte le tipologie di gioco lecito che prevedano vincite in denaro (new slot, gratta e vinci e 10 e lotto), chiusi anche gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburanti lungo le strade locali, comunali e provinciali (mentre potranno aprire gli autogrill lungo le autostrade e le statali) e le cosiddette “casine dell’acqua”.

La nuova ordinanza, si legge nella nota ha l’obiettivo “di contrastare l’assembramento di persone” e resterà in vigore fino al 25 marzo. E’ stata adottata da da tutti i diciotto sindaci della provincia di Ravenna, che spiegano:

“C’erano ancora diverse situazioni non incluse nei vari provvedimenti governativi e regionali – dichiara il presidente della Provincia, Michele de Pascale – che comportavano l’afflusso di un numero elevato di persone e senza garantire le adeguate distanze, creando così una fonte di potenziale contagio. Per questi motivi abbiamo ritenuto necessario provvedere a diverse ulteriori chiusure e al divieto allo svolgimento di alcune attività”.