Come ricevere le pensioni al tempo del Coronavirus? Poste Italiane ha reso note le modalità con le quali verranno accreditate per il mese di aprile, per i titolari di un libretto e anche per chi le ritira agli sportelli. Mentre la Cassa di Risparmio rivolge un appello a non recarsi alle filiari e ad utilizzare i canali online

Per quanto riguarda verranno le Poste, l’azienda informa che le pensioni di aprile saranno accreditate a partire dal 26 marzo per i titolari di un libretto di risparmio, di un conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I titolari di carta Postamat, Carta Libretto o di Postepay Evolution potranno prelevare i contanti da oltre 7.000 ATM Postamat, senza bisogno di andare allo sportello.

Invece, coloro che dovranno recarsi direttamente agli sportelli potranno farlo in maniera scaglionata in base all’iniziale del cognome. Questo per diluire l’accesso e non creare assembramenti, sempre con la finalità di contenere la diffusione del Covid 19.

Per quanto riguarda gli uffici aperti sei giorni su sei la turnazione alfabetica è la seguente: giovedì 26 marzo le persone con cognome che ha per iniziali le lettere A e B, venerdì 27 marzo C e D, sabato 28 marzo (mattina) dalla E alla K, lunedì 30 marzo dalla L alla O, martedì 31 marzo dalla P alla R, mercoledì 1 aprile dalla S alla Z.

Per quanto riguarda gli sportelli che osservano un minor numero di aperture settimanali si fa riferimento alle tabelle tabelle che alleghiamo di seguito (una per il Comune e una per la provincia). Vi sono indicati gli indirizzi, le località degli uffici postali, gli orari di apertura e, in particolare una diversa calendarizzazione e diversi accorpamenti di lettere per quelli che sono aperti 2 o 3 giorni a settimana.

Poste italiane ha messo, inoltre, a disposizione il numero verde 800 003322. Digitando cap e cognome si ottengono le informazioni sull’ufficio postale, giorno e orario in cui la persona si deve recare.

Il Gruppo Cassa Ravenna, invece, ha rivolto un appello a non recarsi nelle filiali, utilizzando i canali che non richiedono presenza fisica e i bancomat all’esterno delle filiali per evitare rischi di contagio. Per eventuali inderogabili esigenze che richiedessero l’ausilio della filiale, il Gruppo Cassa invita a telefonare alla propria filiale di riferimento per ricevere tutto il supporto necessario ed evitare assembramenti e fissare un eventuale appuntamento.

Il 24 marzo 2020 Abi e le organizzazioni sindacali di settore hanno convenuto che l’accesso dei clienti alle filiali avvenga solo su appuntamento, al fine di evitare assembramenti: una misura già attuata dalle banche del Gruppo Cassa Ravenna per tutelare la salute delle persone. Le pensioni del mese di aprile erogate dall’Inps verranno accreditate, sui conti correnti ed i libretti di risparmio, il 26 marzo.
I titolari di bancomat potranno, come sempre, prelevare i contanti presso gli sportelli automatici senza entrare in filiale.