La lungodegenza dell'Ospedale di Comunità di Cervia è stato riconvertito ad area Covid

Nell’ambito del rapido evolversi del quadro relativo all’infezione da coronavirus, l’Ausl Romagna informa che anche “l’Osco (Ospedale di comunità) di Cervia è stato riconvertito ad “area Covid”, cioè strutturato ed organizzato in modo da poter ospitare pazienti covid positivi, con particolare riferimento a quelli non autosufficienti, in spazi isolati e con l’assistenza prevista dai relativi protocolli”.

“Si tratta di una misura temporanea legata alla situazione di urgenza – precisa una nota dell’Ausl – verificatasi all’interno di una struttura per anziani del territorio distrettuale, con necessità di garantire una risposta immediata a pazienti covid positivi”.

In virtù del percorso formativo effettuato sugli operatori e delle misure organizzative predisposte, “l’Osco di Cervia si presenta come una struttura sanitaria in possesso delle caratteristiche necessarie – chiarisce l’Ausl – per essere utilizzata in massima sicurezza, e potrà garantire un adeguato percorso anche per i pazienti non autosufficienti positivi al covid  che necessitano di un setting assitenziale di tipo riabilitativo in attesa di giungere alla guarigione o alla negatività del referto clinico per infezione Covid-19″.

L’Azienda ringrazia “i pazienti e i loro familiari che erano presenti all’Osco che hanno acconsentito ad accelerare la dimissione, prevedendo la realizzazione di  progetti personalizzati di dimissione protetta o trasferimento presso altre strutture, in modo che i 16 posti letto possano essere utilizzati per pazienti covid postivi, in forte integrazione e in continuità con gli specialisti ospedalieri e i Medici di Medicina Generale dei pazienti accolti”.

Un ringraziamento e plauso per la collaborazione anche al Comune di Cervia, “che ha compreso la rapida evoluzione della situazione e la delicatezza della condizione  di questi pazienti, dimostrandosi particolarmente attento all’evoluzione delle necessità sanitarie dei cittadini del Distretto Ravenna oltre che del territorio di Cervia”.