Ognuno dei 30 Villaggi metterà a disposizione 5 settimane di vacanza, a scelta sia per un alloggio in Mobilhome che in piazzola

150 soggiorni gratuiti al mare nei nostri lidi: è questa l’idea nata dal Campeggio Cesenatico che l’ha subito condivisa con il “Consorzio Camping & Natura Villages” che raggruppa 30 Campeggi e Villaggi in Romagna, dai Lidi di Comacchio fino a Riccione.
Ognuna delle 30 strutture metterà a disposizione 5 settimane di vacanza, a scelta sia alloggio in Mobilhome che in piazzola, per un totale di 150 settimane.

In una nota stampa, è lo stesso consorzio a spiegare la genesi di questa idea.
“Stiamo vivendo tutti un momento difficile, e il nostro impegno, come quello di tanti altri, è quello di fare in modo che questa emergenza rientri il prima possibile e che si possa presto tornare a pensare alle vacanze estive al mare. Tutti noi operatori turistici ci siamo attivati nell’immediato per applicare tutto quanto è stato richiesto e disposto nei vari decreti ministeriali, nelle delibere della Regione Emilia-Romagna e nelle ordinanze dei nostri Comuni. Oggi ci siamo e stiamo facendo la nostra parte, come è giusto che sia, organizzando il lavoro in modalità smart working, sospendendo le attività non fondamentali e pensando già a quali servizi dovremo attivare per rendere la vacanza all’aria aperta ancora più serena e sicura”.

Ma il Consorzio non si è fermato qui. “Ci siamo chiesti cosa potessimo fare, in aggiunta,  per aiutare chi si sta impegnando in prima linea, per professione o per vocazione, nella lotta a questa emergenza”. Da qui, appunto, l’idea dei soggiorni gratuiti al mare. “Daremo la possibilità a chi ha impegnato tutte le proprie energie, il proprio tempo,  in questa battaglia, di venire in Romagna a trascorre un periodo di vacanza estiva al mare con i propri cari,  e avere la possibilità di riconquistare serenità ed equilibrio. I medici, gli infermieri, i tecnici sanitari verranno ospitati gratuitamente nei nostri campeggi, durante la prossima estate, non appena ci saranno le condizioni per poter tornare a fare vacanza”.

Il Consorzio si è già attivato “per condividere l’iniziativa con i sindaci dei Comuni della Romagna dove si trovano i campeggi e poter così concertare con le Ausl di riferimento le modalità migliori per poter attivare questa donazione. Non appena definiti i dettagli operativi verranno comunicati in modo tempestivo. Ci auguriamo che questa iniziativa, unita alle tante che fortunatamente si sono attivate in tutto il territorio nazionale, possa contribuire a dare speranza e sostegno a chi si sta impegnando senza indugio, quotidianamente“.