Il quadro regionale sulle domande istruite dall’Agenzia regionale per il Lavoro, della Cassa integrazione in deroga in Emilia-Romagna dice che sono 21.758 e coinvolgono oltre 66 mila lavoratori. I dati mettono a fuoco la difficile situazione creatasi con il conseguente impatto sulle attività produttive, a causa dell’emergenza coronavirus. Di queste, 1881 sono le richieste istruite in provincia di Ravenna.

“Tutte le domande arrivate alla Regione fino al 14 aprile sono già state consegnate all’Inps per il pagamento – ha commentato Vincenzo Colla, assessore regionale a Sviluppo economico e Lavoro – e agli istituti bancari per l’anticipo. Sappiamo che nei giorni scorsi ci sono state alcune sofferenze, ma a oggi ci risultano superate. Se tuttavia dovessero sussistere ancora difficoltà con l’anticipo della liquidità da parte di qualche istituto di credito, invito le rappresentanze associative e sindacali, nonché lavoratrici e lavoratori, a segnalarlo all’Agenzia regionale per il lavoro (ARLavoro@Regione.Emilia-Romagna.it) per le opportune verifiche ed eventuale segnalazione all’istituto interessato. Riconfermiamo che con l’ultimo riparto effettuato dal Governo sarà totale sia la copertura economica che quella previdenziale sia sul Decreto legge 9 che sul 18”.

I numeri sono riferiti alle domande previste dall’art. 7 del Decreto 9 del 2 marzo 2020 (“Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19”) e dall’art. 22 del Decreto 18 del 17 marzo 2020 (“Misure di potenziamento del Servizio Sanitario Nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19”) arrivate dal 6 al 14 aprile compreso.

I dati per provincia

Bologna 5.646 richieste istruite (DL 9: 2.869, DL 18: 2.777).
Modena 3.367 richieste istruite (DL 9: 1.585, DL 18: 1.782).
Rimini 2.471 richieste istruite (DL 9: 863, DL 18: 1.598).
Reggio Emilia 2.023 richieste istruite (DL 9: 881, DL 18: 1.142).
Forlì-Cesena 1.638 richieste istruite (DL 9: 776, DL 18: 862).
Ravenna 1.881 richieste istruite (DL 9: 684, DL 18: 1.197).
Parma 1.758 richieste istruite (DL 9: 617, DL 18: 1.141).
Piacenza 1.510 richieste istruite (DL 9: 655, DL 18: 855).
Ferrara 1.464 richieste istruite (DL 9: 407, DL 18: 1.057).