Si va alleggerendo il carico di pazienti nelle terapie intensive
Si va alleggerendo il carico di pazienti nelle terapie intensive

Salgono a 904 i casi di positività al Coronavirus in provincia di Ravenna, 15 in più rispetto a mercoledì. Dei nuovi casi, nessuno è stato ricoverato: sono tutti seguiti a domicilio. La Regione oggi ha purtroppo comunicato un decesso: si tratta di un uomo di 74 anni. Si sono verificate 20 guarigioni cliniche in più e 50 guarigioni complessive. A Cervia sono 59: tra loro anche un minorenne, che avrebbe contratto il virus per contatto con un caso accertato.

Sono 457 i nuovi casi di coronavirus in Emilia-Romagna (totale 21.486), un dato in salita rispetto a ieri ma a fronte di  5.956 nuovi tamponi: dunque parecchio meno di un positivo su dieci. Ma i dati più incoraggianti riguardano le guarigioni, altre 316 nelle ultime ore (in tutto 4.980) e la liberazione dei posti letto in ospedale: il bollettino di oggi parla di -28 ricoveri nei reparti Covid e -9 posti occupati in terapia intensiva.

‘Cade’ il primato di Imola, che negli ultimi due giorni aveva raggiunto lo zero sui nuovi casi. Tra ieri e oggi sono spuntati tre positivi in riva al Santerno. “Sono pochi ma non sono zero- commenta il commissario regionale all’emergenza Sergio Venturi– Imola è diventato un po’ il nostro banchmark”, cioè il riferimento nella battaglia per azzerare il Covid ovunque. I casi accertati sono complessivamente 3.249 a Piacenza (26 in più rispetto a ieri), 2.698 a Parma (82 in più), 4.053 a Reggio Emilia (71 in più), 3.262 a Modena (45 in più), 3.142 a Bologna (107 in più), 348 le positività registrate a Imola (+3) e 709 a Ferrara (60 in più). In Romagna sono complessivamente 4.025 (63 in più), di cui 904 a Ravenna (15 in più), 752 a Forlì (16 in più), 595 a Cesena (7 in più) e 1.774 a Rimini (25 in più).

Ci sono 55 morti oggi in Emilia-Romagna per il coronavirus, in calo rispetto agli ultimi giorni. “Sono 30 in meno rispetto a ieri, ma non significa che siano pochi”, sottolinea il commissario per l’emergenza coronavirus Sergio Venturi. I nuovi decessi provengono dieci da Piacenza, otto da Parma, sette da Reggio Emilia, otto da Modena, nove da Bologna (uno da Imola), due da Ferrara, uno da Ravenna, quattro da Forli’-Cesena e cinque da Rimini. Un decesso riguarda un non residente in regione.

“Sarebbe utile progettare rapidamente una bella passeggiata coi bambini. Se la meritano”. Durante la diretta Facebook, la prima apertura di Venturi alle passeggiate con i più piccoli. Dopo aver criticato il Viminale, nelle settimane scorse, per la circolare che sembrava liberalizzare le passeggiate dei genitori coi bambini, oggi sembra arrivato anche per Venturi il momento di consentire le uscite ai più piccoli, visto il trend in calo dei contagi e la diffusione delle mascherine. “Quelli che fanno più fatica oggi sono i bambini- afferma il commissario- non quelli che vanno fuori col cane o a fare la spesa. Giocare a quell’età é la cosa principale e quindi è giusto iniziare a pensare di ricominciare coi bambini”. Poi aggiunge, col sorriso: “Suggerisco anche ai nonni, visto che spesso i bambini stanno in casa anche per salvare loro, magari di fare un bel regalo ai propri nipoti, perché stanno facendo un sacrificio per tutelare anche la salute dei loro nonni”.