Volontari pronti a selezionare gli alimenti arrivati all'Emporio

E’ un’azione importante quella che i volontari di Mensa Amica e dell’Emporio Solidale di Cervia stanno portando avanti in questi giorni di emergenza da Coronavirus. Un impegno che ha trovato il supporto di tante altre persone e il coinvolgimento, prezioso e appassionato, degli Scout Cervia 1, a costituire una vera e propria filiera della solidarietà.

La presidentessa delle due realtà, Silvia Berlati, in una lettera ha volto esprimere la sua soddisfazione per il grande cuore che la realtà cervese ha dimostrato anche e soprattutto in queste settimane difficili.

Ecco il testo integrale della lettera:

“Abbiamo assistito improvvisamente ad un cambiamento radicale della nostra vita, costretti a non frequentare più ambienti e persone e modificare –  a volte quasi radicalmente – abitudini quotidiane in nome di uno stato di prevenzione e sicurezza che della distanza ha fatto uno dei suoi punti di forza. In un contesto completamente nuovo sono emerse le prime necessità: da un lato accrescere le misure protettive per evitare la diffusione del contagio, dall’altro pensare a forme di sostegno rivolte a chi già prima attraversava un momento di difficoltà e che ora si ritrova senza lavoro, non sapendo bene quando e come potrà ripartire.

La natura è ritornata ad essere protagonista. E una natura fatta di attenzioni, generosità, rispetto, sensibilità, preoccupazioni per l’altro da sempre aspetti che hanno caratterizzato l’azione di Mensa Amica che ancora oggi con i suoi volontari (a volte anche gli stessi utenti) e con quanto le viene donato dalla comunità è vicina alle persone. Lo è continuando a garantire pasti e servizi indispensabili come quello delle docce e della lavanderia.

La nostra Associazione, da oltre quattro anni, è capofila anche del progetto “Emporio Solidale”. Insieme al Coordinamento del Volontariato mette a disposizione alimenti e volontari utili per garantire spese settimanali gratuite e contribuendo in questo modo anche a ridurre sprechi alimentari. Anche in questa fase di emergenza, in accordo con l’Amministrazione Comunale, abbiamo deciso di metterci a disposizione per aumentare le nostre risposte di “solidarietà alimentare”.

Se eticamente tutto questo rappresenta un’ideale di azione umana auspicabile, non possiamo non raccontare come in questa situazione un ruolo decisivo l’abbiano avuto i Capi del Gruppo Scout Cervia 1 oltre che singoli cittadini. Li avevamo conosciuti e ospitati in Emporio qualche anno fa e ‘eravamo lasciati con il desiderio – un giorno – di fare qualcosa insieme. Covid ci ha dato questa opportunità.

E così con una natura umana bellissima messa a disposizione da Alessandra, Bianca, Denis, don Federico, Francesca, Giacomo, Giuseppe, Marta, Martina e tanti altri è iniziata la collaborazione positiva. In prima battuta abbiamo deciso di creare il nostro “campo base” ampliando gli spazi dell’Emporio e impostando un piano operativo che permettesse di attivare due risposte: il market per i clienti abituali e la predisposizione, con successiva consegna delle spese a domicilio per le famiglie segnalate dai Servizi. Azioni che richiedono un impegno e un’importante dedizione che da soli non saremmo mai riusciti a mantenere e garantire. Oltre a questo, si è deciso coinvolgendo anche altri Scout del Gruppo, di iniziare a creare un ponte telefonico con le nuove famiglie seguite. Questo per comprendere il gradimento di quanto viene preparato e consegnato, questo perché non può esistere una natura umana non relazionale. Un’attivazione incredibile sotto tutti i punti di vista.

Riprendendo alcuni passaggi di Baden Powell, fondatore degli Scout, scopriamo che a suo avviso in ogni ragazzo c’è sempre almeno un 5 % di buono e sta a noi saperlo scoprire e farlo crescere. Per questo è importante dare fiducia a ciò che la natura umana dell`uomo nasconde di generosità e di senso dell`onore.

E’ proprio completamente vero. E credo proprio che la nostra Comunità debba veramente tanto a questi ragazzi per aver accettato di collaborare ed essere così determinanti in questo particolare momento storico”.