Uno degli spettacoli proposti per il 25 aprile nel 2019
Uno degli spettacoli proposti per il 25 aprile nel 2019

Inevitabile. Anche la festa della Liberazione prevede una serie di appuntamenti in streaming, a causa delle attuali norme sul distanziamento sociale. Il primo appuntamento di questo strano 25 aprile è in programma alle 10.30: al Ponte degli Allocchi ci sarà la consueta deposizione di corona al monumento in memoria dei martiri alla presenza del sindaco, Michele de Pascale e della presidente del Consiglio comunale Livia Molducci. Alle 11, in piazza del Popolo, l’evento che si potrà seguire in diretta streaming sulle pagine facebook del Comune di Ravenna e del sindaco Michele de Pascale: la deposizione di corone alla lapide dei partigiani caduti per la liberazione dal nazifascismo alla presenza del sindaco e del presidente dell’Anpi della provincia di Ravenna, Ivano Artioli. Nel corso della giornata su tutto il territorio comunale verranno deposte corone alle lapidi in memoria dei partigiani e delle partigiane caduti per la libertà da parte di un assessore della giunta comunale o di un presidente di consiglio territoriale.


A partire dalle ore 9.45 sulla pagina facebook del Comune di Ravenna e del sindaco Michele de Pascale è in programma la “Maratona della Resistenza”: la liberazione raccontata con video, parole, musica e racconti.
In particolare saranno proposti: Combattere per la libertà. Il testo di Luca Goldoni e Enzo Sermasi, accompagna immagini d’epoca e spezzoni di film sulla Resistenza;L’è e sù tèmp,(nella foto), spettacolo teatrale messo in scena in piazza del Popolo il 25 aprile 2018, scritto e diretto da Eugenio Sideri; Prendi un angolo del tuo paese e fallo sacro, performance in ricordo dell’eccidio del Ponte degli Allocchi a cura di Anita Guardigli dell’associazione Asja Lacis e di Lanfranco Moder Vicari, con la collaborazione delle ragazze e dei ragazzi del progetto “Lavori in Comune”.

Ci saranno poi sequenze tratte da due documentari prodotti dall’Istituto storico della resistenza di Ravenna nel 2005: L’Isola degli uomini liberi. Alla scoperta di una base partigiana nelle valli di Ravenna e Schegge di vita sull’esperienza di donne ravennati protagoniste della Resistenza
E poi ancora La buca, da una testimonianza di Mario Cassani, soggetto e sceneggiatura di Ivano Artioli; Intervista a Olga Prati; 4 dicembre 2019, la liberazione di Ravenna alla presenza di una delegazione canadese; Bella ciao cantata in varie lingue del mondo.