Gamberini e Mingozzi transitano in Piazza del Popolo nella Mille Miglia, il 7 maggio 2004

Dopo una lunga malattia è morto, nella notte, Giuliano Gamberini, imprenditore con interessi in più campi, fra i quali spicca quello automobilistico, essendo stato lui a dare impulso alla concessionaria Sva. Il malore che lo ha colpito nel dicembre del 2018 lo aveva costretto a un’ininterrotta degenza. Aveva 78 anni, lascia la moglie, Anna Travaglini figlia del primo concessionario Fiat a Ravenna, e tre figli Silvia, Gian Marco e Cristina: questi ultimi due portano avanti l’azienda, nella quale Giuliano era entrato alla fine degli anni ’60.

Tra le sue intuizioni, quella di acquisire le concessionarie di Alfa Romeo, Lancia e Land Rover, rilevando rami d’azienda già presenti sul mercato automobilistico ravennate, e quella di riunire tutte le sedi Sva del territorio in un’unica sede, quella di via Trieste, dove sorge attualmente.

Ma Giuliano Gamberini è stato anche imprenditore immobiliare e uomo appassionato di sport e ovviamente delle quattro ruote. E in quest’ultima veste lo ricorda Giannantonio Mingozzi, portando alla luce un aneddoto legato al passaggio della Mille Miglia da Ravenna nel 2004, che l’attuale presidente di Tcr corse in coppia con lui, sulla splendida 8V Stanguellini.
“Partiti da Brescia il 6 maggio, alle ore 21 con il n° 252, transitammo venerdì 7 maggio in tarda mattinata dalla Piazza del Popolo di Ravenna – scrive Mingozzi – dove ci attendevano in tanti; Giuliano sempre impeccabile, giacca e cravatta e una fare dolce e signorile, ma un leone alla guida dove ci alternammo per 4 giorni, con l’accoglienza di Ravenna simpatica e straordinaria, con la banda cittadina e gli amici del Lions ad offrire salsiccia e mortadella a pubblico ed equipaggi,  accompagnati dalla bandiera giallorossa che abbiamo mantenuto sull’auto per tutta la corsa; arrivammo a Brescia la sera del 9, sotto una leggera pioggia, e concludemmo con un piazzamento di metà classifica, per noi eccellente. Ci mancherà il suo entusiasmo in corsa come nella vita, la sua capacità di infondere fiducia e ottimismo, una volontà indomabile al servizio della famiglia, dell’impresa e di Ravenna. Ai familiari di Giuliano esprimo le mie più sentite condoglianze”.

“Con dispiacere apprendiamo della morte di Giuliano Gamberini, imprenditore ravennate titolare della concessionaria Sva. Perdiamo una persona d’importanti capacità imprenditoriali – è il ricordo del sindaco Michele de Pascale – che amava Ravenna e per la quale nel corso della sua vita si è sempre speso, mettendo a disposizione progetti e risorse per la crescita della nostra comunità. Alla sua famiglia e ai suoi cari vanno le mie più sincere condoglianze”.