Un contagio e un decesso in provincia di Ravenna, 259 nuovi contagi e 39 decessi in regione. In estrema sintesi questa è la situazione che emerge dall’aggironamento fornito oggi dalla Regione Emilia-Romagna. Cifre che confermano il trend di diffusione sempre più ridotta del Covid-19. Un’evidenza poi concretizzata dalla diminuzione dei ricoveri e dei pazienti attivi e bdall’aumento sensibile delle guarigioni.

I dati del contagio nel territorio ravennate Un solo caso registrato oggi, riferito al paziente della Casa di riposo Baccarini di Russi già seguito e monitorato, che anche in considerazione dell’età avanzata è stato ricoverato. E’ stato inoltre comunicato un nuovo decesso: un paziente di sesso maschile di 89 anni. Si sono infine verificate ulteriori 39 guarigioni complessive più 9 guarigioni cliniche di pazienti che effettueranno tamponi di negativizzazione. Sono circa 180 le persone che restano in quarantena e sorveglianza attiva in quanto contatti stretti con casi positivi o rientrate in Italia dall’estero.

La geografia del contagio nel ravennate
444 Ravenna
127 Faenza
67 Lugo
64 Cervia
60 Russi
32 Bagnacavallo
29 Alfonsine
22 Castelbolognese
21 Fusignano
16 Cotignola
11 Massa Lombarda
10 Brisighella
8 Conselice e Riolo Terme
7 Solarolo
3 Sant’Sgata sul Santerno
2 Casola Valsenio
51 residenti al di fuori della provincia di Ravenna

I dati del contagio in regione In linea con i dati degli ultimi giorni anche il numero dei contagi di oggi: 259 (ottavo giorno di fila su quota 200) per un totale complessivo di 25.436 casi di positività, con 5992 tamponi in più, che portano il totale a 182.857. In linea con le ultime giornate anche i nuovi casi di positività in Romagna: oltre al nuovo contagio di Ravenna ci sono 11 casi in più a Forlì (totale 891), 9 a Cesena (totale 685) e 15 a Rimini (2005), che portano il totale a 4.563.

Numero record di guarigioni: ben 2519 (è la prima volta che si supera quota mille dall’inizio dell’epidemia) che fanno salire il totale a 12322, ma si registra con soddisfazione anche il forte calo dei casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi a oggi: -2.299, passando dagli 11.862 registrati ieri ai 9.563 odierni. Il forte aumento dei casi di guariti è dovuto in particolare al riallineamento dei flussi informatici all’Ausl di Reggio Emilia, con il caricamento di dati relativi all’ultima settimana, con 801 pazienti senza sintomi e 1.355 con doppio tampone negativo. Dati recepiti oggi dal sistema regionale. Va anche considerata l’esecuzione di un numero rilevante di tamponi di controllo a una popolazione numerosa, sempre in provincia di Reggio Emilia, che coincideva temporalmente con il picco di fine marzo con un elevato indice di negativizzazione; infine, sempre nel reggiano, la sistematizzazione dei contatti telefonici e informatici continui con i pazienti positivi, organizzata in squadre di varie decine di persone, che ha consentito di rilevare in modo sistematico la fine dei sintomi e quantificare il numero dei pazienti che, pur in attesa di tampone, sono già clinicamente guariti perché stabilmente asintomatici. Pertanto, il numero complessivo inviato dall’Ausl di Reggio Emilia va considerato come cumulativo dell’ultima settimana di rilevazione.
“In questo modo certifichiamo il sorpasso tra i 12.300 guariti e i 9.500 casi attivi, una notizia super-positiva”, sottolinea il commissario ad acta per l’emergenza, Sergio Venturi.
Sono 6402 le persone in isolamento a casa (-1.886 rispetto a ieri), 206 (20 in meno) quelli ricoverati in terapia intensiva e -381 quelli ricoverati negli altri reparti Covid (-381).

Purtroppo, si registrano 39 nuovi decessi (21 uomini e 18 donne). Complessivamente, in Emilia-Romagna sono arrivati a 3.551. Numero ancora alto, ma anche qui la tendenza si è cristallizzata da una settimana (la meddia è di 40,2 al giorno). In Romagna, oltre a quello di Ravenna, si segnalano 4 vittime in provincia di Forlì-Cesena e 1 nel riminese.