Il presidente di Confcommercio provincia di Ravenna, Mauro Mambelli
Il presidente di Confcommercio provincia di Ravenna, Mauro Mambelli

A poche ore dalla riapertura delle attività commerciali, dei pubblici esercizi, delle attività al dettaglio, dopo due mesi di lockdown, la Confcommercio provinciale di Ravenna ha voluto con una nota salutare e incoraggiare tutte le imprese associate “del nostro territorio che hanno vissuto nell’incertezza della riapertura”, si legge nella nota firmata dall’associazione di categoria, in vista di questo “nuovo inizio. Ripartiamo quindi dagli imprenditori”.

Da lunedì 18 maggio “i negozi al dettaglio, le attività commerciali, i bar e i ristoranti, tutto il variegato mondo dei pubblici esercizi, gli stabilimenti balneari, le parrucchiere e i centri estetici sono pronti ad accogliere i clienti in sicurezza – osserva la Confcommercio – adottando le regole emanate dalla Regione Emilia-Romagna”. I Protocolli elaborati dall’Emilia-Romagna e ripresi dalle altre Regioni contengono “criteri di buon senso, attuabili e applicabili dalle imprese, certamente meno restrittive – riconosce l’associazione – di quelle dell’Inail che avrebbero messo in difficoltà il lavoro di molte attività. Certo avremmo preferito avere le indicazioni su come riaprire con un po’ più di anticipo, ma grazie alla lungimiranza della Regione Emilia-Romagna queste regole erano già pronte, scritte grazie alla collaborazione delle Associazioni di categoria che si sono mosse per tempo”.

Da qui i ringraziamenti, sentiti e doverosi, che il Comitato di Presidenza di Confcommercio provincia di Ravenna rivolge “al Presidente Bonaccini, all’Assessore Corsini, a tutta la Giunta e ai Consiglieri regionali, al Prefetto di Ravenna Caterino e alle Forze dell’ordine, al Presidente della Provincia de Pascale, ai Sindaci e collaboratori, a tutto il personale medico e paramedico per il prezioso lavoro svolto in questi mesi, nel periodo buio di lockdown ed ora in quello della ripartenza”.

“Ora è giunto il momento di restituire alla nostra città quella gioia di vivere, quella convivialità che per quasi tre mesi – ricorda ancora la nota – abbiamo dovuto, per causa di forza maggiore, abbandonare, e che sapremo recuperare in fretta, sempre in sicurezza. Ed è giunto anche il momento per i cittadini ravennati di far sentire la loro vicinanza a tutti i nostri negozi di vicinato: dobbiamo ricordarci che se da un lato il commercio si è sdoppiato in quanto ha chiuso per la salute pubblica, dall’altro è rimasto aperto per la distribuzione dei generi di prima necessità, svolgendo un prezioso servizio alla comunità.

Ai nostri imprenditori, a tutti gli imprenditori che con il loro patrimonio di passione, di storie, e competenze ha tenuto duro fino ad ora, Confcommercio provincia Ravenna augura una buona ripartenza“.