Giorgio Guberti
Giorgio Guberti

In una nota diffusa oggi la Camera di commercio di Ravenna fa il punto sugli scenari economici previsti per il 2020. In base a quanto prevede Prometeia (azienda di consulenza, sviluppo software e ricerca economica) “per il 2020 lo scenario si presenta molto difficile a causa della gravissima emergenza sanitaria che ha determinato altrettanto pesanti effetti sia a livello sociale che a livello economico. Le conseguenze economiche sul Pil si risentiranno in quasi tutti i Paesi: a livello mondiale si prospetta nel 2020 un calo attorno al -1,6% (-9,4% il commercio internazionale di merci) rispetto al 2019.

Secondo le previsioni di Prometeia – prosegue la nota – per il 2020 per la provincia di Ravenna è attesa una diminuzione del valore aggiunto complessivo, rispetto al 2019, pari a -6,4%: una caduta inferiore a quella prevista per l’Emilia-Romagna (-7%) e più o meno in linea rispetto a quella media nazionale (-6,5%). Tutti i settori ne risentiranno, a cominciare dall’industria (-12,7%), a cui si accompagna l’edilizia (-9,2%); a seguire il calo del valore aggiunto agricolo (-4,5%) e del valore aggiunto del settore dei servizi (-4,3%).

In diminuzione risulterà anche il valore aggiunto per abitante: si passerà dai 29.000 Euro del 2019 ai 27.200 euro di ricchezza pro-capite nel 2020. Sulla base di queste stime, la ricchezza prodotta dal complesso dell’economia ravennate scenderà a 10,6 miliardi di Euro, contro gli 11,3 del 2019. Passando al mercato del lavoro, le stime propendono verso proiezioni negative: nel 2020 le previsioni indicano un -1,7% annuo per l’occupazione ravennate ed in questo caso la diminuzione sarà peggiore rispetto sia a quella stimata per l’occupazione regionale (-1,4%), sia rispetto a quella nazionale (-1,2%). Per quanto riguarda il tasso di disoccupazione, pari a 4,6% nel 2019, in provincia di Ravenna dovrebbe salire a 7,1% quest’anno; in Emilia-Romagna dal 5,5% del 2019 al 6,7% del 2020 ed in Italia dal 10%  all’11%”.

Di fronte a questo difficile scenario, “tutto il sistema camerale è in prima linea a supporto delle imprese – evidenzia Giorgio Guberti, presidente della Camera di commercio di Ravenna –: le Camere di commercio della regione hanno condiviso una linea d’intervento che prevede la costituzione di un fondo finalizzato all’erogazione di contributi in conto interessi attualizzati e all’abbattimento del costo della garanzia alle Pmi del territorio per il tramite dei Confidi, per il quale la Camera di commercio di Ravenna ha stanziato un milione di euro rivolto alle imprese del proprio territorio.

Questo intervento straordinario si somma a quelli già deliberati per l’anno in corso, oltre ad altri attualmente allo studio che saranno decisi nelle prossime settimane e prevederanno voucher a fondo perduto per le imprese, per un intervento complessivo di circa tre milioni di euro. Uno sforzo enorme, messo in campo in sintonia e unità d’intenti con tutte le Associazioni di categoria del territorio, per dare alle imprese una risposta d’eccezione”.