Il mercato di Ravenna
Il mercato di Ravenna

Dopo la riapertura dei mercati di via Sighinolfi/piazza Zaccagnini e di piazzale Medaglie d’Oro, avvenuta la scorsa settimana, da oggi, “25 maggio, anche tutti gli altri mercati del forese tornano alla normalità – riporta una nota dell’ufficio stampa del Comune –, cioè nella versione integrale, alimentare ed extralimentare, e nelle sedi originarie, Oggi ha infatti riaperto il mercato a San Zaccaria insieme ai mercati contadini di piazza Della Resistenza, unificato per ragioni di necessità con quello di viale Farini, e di piazzale Marinai d’Italia a Marina di Ravenna. Dal 1° giugno riapriranno anche i mercati nelle località balneari“  .

La ripartenza è motivo di grande soddisfazione, ha dichiarato l’assessore alle Attività produttive Massimo Cameliani, tuttavia “raccomando ad operatori e clienti la massima attenzione nel rispetto delle nuove regole perchè è al momento l’unico modo che abbiamo per arginare il virus e non fare nefasti passi indietro“

Di seguito l’elenco completo dei mercati della città e del forese con i giorni e i luoghi di svolgimento: Ravenna: piazza Zaccagnini Via Sighinolfi- mercoledì e sabato mattina;
piazza Medaglie d’Oro – venerdì mattina.
Mercato contadino: in piazza Resistenza, unificato con gli operatori di viale Farini, il lunedi e il giovedi pomeriggio; in piazzale Marinai d’Italia, a Marina di Ravenna, il lunedì
Forese
Castiglione di Ravenna: in piazza Della Libertà – martedì mattina;
Mezzano: in piazza Donati – martedì mattina;
Piangipane: in piazza XXII Giugno – giovedì mattina;
Sant’ Alberto: nelle piazze Amadori e Garibaldi – giovedì mattina;
San Pietro in Vincoli: in piazza Foro Boario – venerdì mattina;
Savarna: in piazza Italia – venerdì pomeriggio;
Villanova di Ravenna: in  piazza Galimberti – mercoledì pomeriggio. San Zaccaria: piazza del Vino – lunedì mattina

Tutti i mercati e le attività rispettano le richiamate misure di contrasto al Covid-19 indicate nei protocolli di sicurezza della Regione – si legge ancora nel comunicato – : accessi regolamentati e scaglionati in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita;  mantenimento del distanziamento interpersonale di un metro tra i clienti; individuazione di aree di rispetto, di almeno 50 centimetri, attraverso cui limitare la concentrazione massima di presenze; disponibilità e accessibilità dei sistemi per la disinfezione delle mani da posizionare accanto a tastiere e schermi touch e uso sistematico di mascherine e guanti usa e getta”.