Il primo
Il primo "incontro" dell'itinerario di preparazione al matrimonio, su Zoom

Sposarsi al tempo del Coronavirus? È possibile. Anzitutto perché le norme anti-contagio consentono di celebrare il rito, alla presenza degli sposi e dei testimoni e dei genitori conviventi. Ma ora anche perché da lunedì scorso è possibile fare l’itinerario di preparazione al matrimonio in videoconferenza, sulla piattaforma Zoom.

“Dopo il rinvio di alcuni itinerari programmati, abbiamo deciso di provare – spiega il direttore Edo Assirelli, direttore dell’Ufficio assieme alla moglie Mirella –. Ovviamente abbiamo rimodulato la proposta, in modo da far partecipare tutti e da non appesantire troppo la riunione”. 12 coppie in tutto, che si erano già prenotate per il percorso “tradizionale”. “E nessuno si è tirato indietro con la nuova modalità”.

L’appuntamento è sempre settimanale, spiega dall’Ufficio Famiglia, ma invece che il classico incontro in una parrocchia della città, verranno proposti momenti di approfondimento da fare in coppia, ad esempio a partire da un film, e poi di confronto in video-chiamata. Foto, canzoni e pensieri delle coppie alimenteranno il confronto tra le coppie.

“E tra le sorprese di questo nuovo approccio c’è la disponibilità delle coppie-guida – spiega Assirelli –: quasi tutto l’ufficio è coinvolto. Non dovendosi spostare di casa, abbiamo una coppia diversa ogni sera”. Un accompagnamento davvero “corale” per chi si prepara a dire sì.