Un momento della Messa di ieri a Piangipane
Un momento della Messa di ieri a Piangipane

Tanti i fedeli alla Messa all’aperto celebrata ieri mattina, domenica 24 maggio, a Piangipane dal parroco don Dario Szymanowski. Il sacerdote, nell’omelia, ha ricordato “tutti coloro che hanno lasciato la vita terrena colpiti dal coronavirus, coloro che soffrono per la perdita di una persona cara, un grazie speciale a coloro che hanno lavorato e lavorano negli ospedali, nel volontariato, che si sono messi s disposizione degli altri, a rischio della propria salute”.

Nella domenica in cui si festeggiava l’Ascensione, il parroco ha ricordato l’invito del Signore “a non perdere la speranza, a contribuire con la nostra vita cristiana e le nostre azioni alla promozione della dignità umana, alla fraternità e alla condivisione. La mancata realizzazione della Sagra di San Macario ci ha fatto perdere un momento di profonda condivisione spirituale e di fratellanza, facendoci capire quanto sia importante lo stare insieme con gioia, l’essere una comunità attiva e solidale.”

E’ stato emozionante poter tornare a vivere la Santa Messa, a ricevere l’Eucaristia insieme alla comunità. Anche se distanti, rispettosi delle prescrizioni, con le mascherine a coprire i sorrisi, la gioia era visibile nei nostri occhi. Il Signore è sempre in mezzo a noi, anche all’aperto nel giardino della scuola, in mezzo alle strutture dei giochi. Il raccoglimento è stato intenso, vissuto con un senso di gratitudine e di felicità. Il Signore ci esorta alla speranza, ad una vita piena, all’aspirazione alla vera gioia e questo gli chiediamo, di ravvivare sempre la nostra speranza, anche nei momenti più incerti e bui.

Giulia Plazzi