Un momento della Festa della Repubblica in piazza del Popolo a Ravenna

Cerimonie in forma ristretta e senza pubblico anche nel nostro territorio quelle del 2 giugno per celebrare la Festa della Repubblica Italiana.

Con il sindaco di Ravenna e presidente della Provincia Michele de Pascale a Roma che in qualità di presidente dell’Unione delle Province italiane ha preso parte alla cerimonia di deposizione di una corona di alloro presso l’Altare della Patria (nella foto qui sopra) da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella – “è una grandissima emozione essere qui oggi”, scrive de Pascale sul suo profilo facebook – gli “onori di casa” a Ravenna per il 74° anniversario della fondazione della Repubblica sono stati fatti dal vicesindaco Eugenio Fusignani e dal prefetto Enrico Caterino. Presenti l’arcivescovo di Ravenna-Cervia monsignor Lorenzo Ghizzoni, i rappresentanti dei Comuni del territorio (tra cui i sindaci di Bagnacavallo, Eleonora Proni, e Massa Lombarda, Daniele Bassi) e l’assessore regionale al turismo Andrea Corsini.
Le celebrazioni, in piazza del Popolo, si sono limitate alla cerimonia dell’alzabandiera e alla deposizione delle corone, come disposto dalla presidenza del Consiglio dei ministri.

2 giugno a Cervia Questa mattina è stata deposta la corona d’alloro sulla lapide di Giuseppe Mazzini in piazza Garibaldi. La cerimonia è stata organizzata dall’Associazione Mazziniana Italiana e dall’amministrazione comunale. Erano presenti Isabella Ciotti, presidente dell’Associazione Mazziniana Italiana,  il Sindaco Massimo Medri e il vicesindaco Gabriele Armuzzi, la vicepresidente del Consiglio comunale Daniela Monti. Il programma della Festa della Repubblica a Cervia era imperniata sul tema del primo articolo della Costituzione “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”.