Una fase di gara dell'ultima Gran Fondo via del Sale

Dopo il sopralluogo a Ravenna al cantiere del Ponte Teodorico, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, accompagnato dall’assessore gionale al turismo Andrea Corsini, ha fatto tappa a Cervia, dove ad attenderlo c’erano il sindaco Massimo Medri e numerosi albergatori e operatori turistici della località.
E’ stata l’occasione per ribadire il ruolo centrale di Cervia nella strategia di promozione turistica soprattutto per quanto riguarda l’attività sportiva in natura, considerando l’ampio patrimonio di aree verde disponibili, e i grandi eventi.

Confermate la tappa italiana del 4° Ironman (il 20 settembre) e la tappa del Giro d’Italia di ciclismo (il 22 ottobre con la partenza alla volta di Monselice, a chiudere una tre giorni in rosa con le tappe Porto Sant’Elpidio-Rimini e la Cesenatico-Cesenatico), mentre anche la Gran Fondo Via del Sale ha una nuova data (11 ottobre). “Si sta poi lavorando, grazie a Davide Cassani, presidente di Apt regionale, perchè tra qualche anno arrivi nel nostro territorio regionale anche il Tour de France“, ha rivelato Bonaccini.

E’ stato poi sottolineato il successo dell’iniziativa regionale dei bonus bici in funzione ecologica anche per piccoli comuni, con finanziamenti di 45 milioni direttamente dal Governo ai comuni stessi, nell’ambito di un progetto apposito per il Bacino Padano.

Riaffermando la supremazia degli investimenti rispetto ai bonus, perché è con i primi che l’economia riparte, i 14 miliardi ad essi destinati troveranno le principali destinazione nella viabilità stradale, nelle piste ciclabili, nell’ammodernamento del trasporto interregionale, con 86 nuovi treni, nella salvaguardia della qualità dell’aria, in un progetto destinato in pochi anni a rendere gratuito il trasporto cittadino ed urbano per gli studenti fino a 19 anni.

“La Regione si è impegnata sui grandi eventi con l’obiettivo di allungare la stagione fino a settembre e ottobre grazie alle manifestazioni sportive – ha messo in evidenza Bonaccini – e culturali. Abbiamo raddoppiato il moto mondiale di Misano Adriatico, il giro d’Italia è stato posticipato ad ottobre ma potrà dare tante presenze turistiche, l’Ironman è una delle manifestazioni più importanti d’Italia, e si tiene qui. E lo stesso impegno, anche sulla comunicazione, ci sarà per il nostro Appennino, le nostre città d’arte, i nostri itinerari e cammini, tutte le bellezze dell’Emilia-Romagna. Sono stati mesi durissimi, abbiamo lavorato in collaborazione e questo ha dato buoni frutti – ha concluso il presidente -. Il prossimo anno vogliamo completare il rifacimento dei lungomare, investiremo ancora perché vogliamo riaprire i cantieri, per dare anche un messaggio al Paese e guardare al futuro”.

“Mentre si stava gestendo ancora la situazione sanitaria abbiamo cominciato a lavorare con le associazioni di categoria e i sindaci della Costa – haaggiunto l’assessore Corsini– per gettare le basi della ripartenza, non appena le condizioni sanitarie ce lo avessero consentito. L’Emilia-Romagna ha guidato anche la stesura dei protocolli sulla sicurezza a livello nazionale, e questo ci ha dato la possibilità di far ripartire il turismo in questa regione, in particolare quello della costa, che rappresenta l’80% del sistema turistico regionale”.

Giuseppe Grilli