L'ingresso alla scuola Engim

Ci sarà tutta l’Enigm, oggi pomeriggio, ai funerali di Andrea Rossi il ragazzo di 17 anni che frequentava appunto l’istituto di via Punta Stilo morto improvvisamente sabato scorso dopo un pomeriggio in piscina e sul cui caso la famiglia ha presentato un esposto in Procura per capire le cause della morte. 

Oggi nella parrocchia di San Lorenzo in Cesarea ci saranno infatti professori, compagni di classe e moltissimi studenti: insieme, “in silenzio” per dire addio ad Andrea, fa sapere una professoressa.

Sono stati giorni di lavoro questi nella scuola di Andrea: i compagni hanno lavorato tutta la settimana per realizzare un grande album con tutti i suoi lavori di grafica e i messaggi che hanno voluto lasciargli, in parole, disegni e anche in musica. L’album verrà donato alla famiglia in un momento successivo al funerale. 

“Era il classico bravo ragazzo – lo ricorda la direttrice dell’Enigma, Rina Giorgetti –: mai una parola fuori posto, c’era per tutti”. Una passione per la Mountain bike e idee ben chiare: queste le caratteristiche di Andrea secondo la preside: “Teneva alle idee, a fare la cosa giusta. L’ultima volta che l’abbiamo visto? Venerdì scorso in una lezione online, purtroppo teneva la telecamera spenta”. Oggi sarà un’occasione per salutarlo, ancora insieme, come scuola e come città