Si muove solo il dato delle persone in quarantena in provincia di Ravenna, stando all’ultimo bollettino dell’aggironamento della situazione sanitaria. I numerosi rientri dall’estero e i contatti stretti con casi positivi hanno fatto salire a 159 le persone in quarantena e sorveglianza attiva nel territorio provinciale. Per il resto, nessuna nuova positività (si resta fermi a quota 1080 in provincia, a 484 a Ravenna e a 86 a Cervia), nessun decesso e nessuna guarigione segnalate.

Stabile anche il territorio della Romagna, dove si regsitra un solo contagio, nel riminese (arrivato ora a 2216). Il totale complessivo raggiungr quota 5.072, considerando anche le positività registrate fin qui a Forlì (963) e a Cesena (813).

Altra impennata in Emilia-Romagna, con ben 53 nuovi positivi (il totale ora è di 28.822), ma di questi, 36 sono relativi alla provincia di Bologna e 29 di questi riconducibili a un focolaio che si è sviluppato in una impresa della logistica. Un comparto sul quale la Regione Emilia-Romagna intende intervenire rendendo obbligatori i test sierologici per tutti i lavoratori del settore da Piacenza a Rimini, avviando così una vasta operazione di prevenzione e tracciamento. In generale, dei 53 nuovi casi, 41 sono persone asintomatiche individuate nell’ambito del contact tracing e dell’attività di screening regionale a seguito di test sierologici (1662). 

“Il nostro Servizio sanitario ha saputo circoscrivere rapidamente ogni nuovo focolaio, compreso l’ultimo a Bologna: tutti i casi vengono trattati con la massima attenzione – sottolinea l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini -in modo da mantenere assolutamente sotto controllo il contagio.  Sia chiaro: non vogliamo bloccare una filiera così nevralgica come quella della logistica, ma non possiamo tollerare alcun rischio per la salute e la sicurezza di tutti gli emiliano-romagnoli. Per questo, in pochi giorni definiremo un’ordinanza regionale che renderà i test sierologici obbligatori per tutti i lavoratori del settore”.

Per il terzo giorno di fila, il quinto a luglio, nessun nuovo decesso in regione: il numero totale resta quindi 4.269.

Le nuove guarigoni sono 6, per un totale di 23.440, l’81,3% dei contagiati da inizio crisi. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 1.113 (47 in più di ieri), così come 47 in più sono le persone in isolamento a casa (a oggi, 1007). Stabile il numero dei ricoverati in terapia intensiva (10) e dei ricoverati negli altri reparti Covid (96).