Nella seduta del consiglio di indirizzo di Fondazione Flaminia mercoledì 1 luglio è stato presentato il bilancio di esercizio relativo all’anno 2019. Il rendiconto chiude in positivo, con un avanzo di 617 euro.

Il presidente si è detto “soddisfatto per il pareggio di bilancio“; tuttavia ha espresso “preoccupazione per gli impegni onerosi che attendono Fondazione Flaminia nell’immediato e in futuro e che andranno a incidere sulle risorse accantonate”.

In un quadro di imminente partenza di importanti progetti per Ravenna, quali l’attivazione del corso di laurea in Medicina e Chirurgia e della nuova laurea triennale in Culture e Società del Mediterraneo, e l’avvio del percorso che porterà all’attivazione della nuova laurea magistrale in Harbour Engineering, Gualtieri ha illustrato ai soci alcune operazioni strategiche che consentiranno a Fondazione Flaminia di far fronte all’esigenza di aumentare e adeguare gli spazi a disposizione degli studenti.

In particolare, Gualtieri ha annunciato che è in corso la definizione di un Accordo Quadro pluriennale tra Fondazione Flaminia e Ateneo di Bologna. “L’accordo riveste una funzione decisiva, fino a oggi mancante, che ci permette di condividere gli obiettivi strategici da perseguire con l’Ateneo per lo sviluppo del Campus di Ravenna”.