Si chiama Vive Ravenna Live il nuovo progetto per l’incentivo ai piccoli trattenimenti per i pubblici esercizi del centro storico della città. Voluta da Confesercenti e Assoartisti, l’associazione di promozione sociale che supporta le iniziative degli artisti nei vari ambiti, con la compartecipazione del Comune di Ravenna, l’iniziativa punta ad animare ancora di più questa parte della città, affiancandosi a Ravenna Bella di Sera, e incrementando la possibilità per i pubblici esercizi di usufruire degli ampliamenti di suolo pubblico.
In pratica, il progetto prevede due ‘finestre’dall’1 agosto al 16 settembre (nelle serate del mercoledì e venerdì, in coincidenza con Ravenna Bella di Sera, e dal 17 settembre al 31 ottobre, data nella quale terminano anche gli ampliamenti di suolo concessi agli esercenti (nelle serate di venerdì, sabato e in occasione di eventi speciali) – nelle quali i locali della città possono ospitare concerti o manifestazioni artistiche. Ogni pubblico esercizio che organizza un evento può recuperare il 50% delle spese di organizzazione fino ad un massimo di 250 euro per ciascun evento. Ogni pubblico esercizio può candidarsi per un massimo di due trattenimenti, ma è anche possibile presentare candidature aggregate di piazza e di via, con un finanziamento sempre del 50% ma con un limite massimo di 1250 euro.
Le candidature sono aperte da oggi fino al 9 agosto per la “finestra” estiva, e fino al 23 settembre per la “finestra” autunnale.

“Come Confesercenti eravamo abituati a organizzare iniziative ed eventi di piazza – precisa Riccardo Ricci Petitoni, referente per il Centro Storico di Confesercenti Ravenna – ma l’emergenza coronavirus ci ha costretti a rinunciare. Non ci siamo però dati per vinti e abbiamo deciso comunque di mettere in piedi un meccanismo concreto che permette ai pubblici esercizi comunque di proporre iniziatiove ed eventi sfruttando le loro pertinenze. L’iniziativa coinvolge tutti i pubblici esercizi, non solo quelli associati a Confesercenti: la discirminante più importante è che si disponga di un’area esterna di almeno 25 mq e ovviamente di essere in grado di svolgere l’evento nel pieno rispetto delle norma anti-contagio e sull’inquinamento acustico”.

“Un’iniziativa importante per gli esercizi e l’animazione del Centro Storico – aggiunge Roberto Bertozzi, presidente neoeletto di Assoartisti Romagna – ma significativa anche per il comparto artistico, pesantemente colpito dal blocco degli eventi. Quando, neanche un anno fa, è stato eletto l’attuale consiglio, abbiamo cercato di fare fin da subito squadra, di unire gli artisti romagnoli per propmuovere la loro attività, anche attraverso la creazione di sinergie e di partnership, tra cui la prima è quella con Confesercenti. Con questo strumento confidiamo di dare voce ed opportunità ad una categoria, anche attraverso un ingaggio equo e regolare. Un ringraziamento va quindi anche al Comune di Ravenna che attraverso questo progetto sostiene sia le aziende sia l’arte”.

Regolamento e moduli di candidatura sono presenti sulle pagine Facebook di Confesercenti Ravenna ed Assoartisti Romagna nonché, a partire da lunedì, anche sui rispettivi siti.