Concattedrale di Cervia, Santa Maria Assunta

Una tradizione per Cervia; una novità per Marina Romea. L’Arcivescovo Lorenzo doveva celebrare in queste due parrocchie il giorno della solennità di Santa Maria Assunta, 15 agosto. Al mattino, in particolare, alle 9.30 a Marina Romea per la prima Messa festiva, nella parrocchia retta da don Dario Kesicki. Al pomeriggio, invece alle 18 nella ConCattedrale di Santa Maria Assunta a Cervia, subito prima del tradizionale omaggio floreale alla Madonna “Ad Ziria” e alla benedizione. Purtroppo, a causa della morte improvvisa di don Ugo Salvatori, nella mattina di sabato 15 agosto, i programmi sono cambiati: l’Arcivescovo ha celebrato la Messa a San Rocco e la benedizione ai fedeli a Cervia è stata data dal parroco, don Pierre Laurent Cabantous.

Chiesa di Marina Romea

Una tradizione consolidata sta diventando anche il pellegrinaggio a piedi al Santuario della Madonna del Pino, la Patrona di Cervia, che si svolge al mattino del 15 agosto, spiega il parroco: “Nato come un pellegrinaggio personale di un gruppo di persone che me l’hanno proposto, 4 o 5 anni fa lo abbiamo esteso a tutta la comunità”.

La Madonna del Pino è stata l’immagine che don Pierre Laurent ha voluto proporre ai suoi parrocchiani nei lunghi mesi di lockdown per la preghiera personale: “Una copia dell’immagine conservata nel Santuario è ancora in Duomo. D’altra parte, è alla Madonna che ci rivolgiamo e ci dobbiamo rivolgere nei momenti di difficoltà, come i bambini guardano la loro madre. Ancor prima che glielo chiediamo, dice l’Inno alla Vergine che a sua volta cita il Paradiso di Dante: ‘Colei che domanda precorre’” La Madonna è sempre stata accanto a suo figlio fin sotto la croce ed è accanto anche a noi nelle nostre croci”.

Tra l’altro, la festa del 15 agosto, parla di vita eterna e di speranza, valori che hanno alimentato la fede in questo periodo di emergenza sanitaria: “La Solennità dell’Assunta ci dice che Dio salva tutto l’uomo, corpo e anima, e lo farà con tutti”