La visita dell'ambasciatore David al Museo Arcivescovile, con l'arcivescovo Lorenzo

Un invito a visitare Israele è arrivato, in particolare, ai giovani della Diocesi, dall’ambasciatore israeliano presso la Santa Sede, Oren David in visita, ieri pomeriggio a Ravenna. La visita era programmata da tempo per incontrare l’arcivescovo Lorenzo, nell’ambito di una consuetudine che prevede rapporti non solo con il Vaticano ma anche con i vescovi italiani.

Ovviamente, è stata anche l’occasione per visitare i monumenti Unesco: prima San Vitale e Galla Placidia, poi il Museo Arcivescovile (nella foto). Ed è stato proprio qui che l’ambasciatore David ha incontrato l’arcivescovo di Ravenna-Cervia, monsignor Ghizzoni: “E’ stata essenzialmente un’occasione di dialogo e conoscenza – spiega l’arcivescovo a margine dell’incontro –: l’ambasciatore ha chiesto come i giovani vedono Israele e ci ha invitato a visitare il Paese, sia nella sua parte storica che in quella moderna: per capire il cristianesimo bisogna partire da lì. E ha auspicato che si superi ogni forma di razzismo e antisemitismo”.

L’ambasciatore ha anche notato l’immagine del Cristo Glorioso presente nell’atrio della Cappella di Sant’Andrea e il suo riferimento biblico: un salmo che parla della venuta del Messia: “In questa figura gli ebrei vedono il Messia che deve ancora arrivare, i cristiani invece la identificano con Cristo”.

Al termine dell’incontro, significativo lo scambio dei doni. L’arcivescovo Lorenzo ha donato all’ambasciatore una copia del libro di Massimiliano David (omonimo per caso) “Ravenna Eterna” sull’arte e l’archeologia ravennate e in cambio ha ricevuto un catalogo della mostra voluta dall’Ambasciata sulla Menorah.