Patrick Zaki
Patrick Zaki

Da alcuni mesi in Egitto è vietato far volare gli aquiloni: un provvedimento ufficialmente preso per tutelare la sicurezza dei bambini ma che simbolicamente rappresenta la negazione della libertà. L’ennesima libertà negata in un paese dove dal 2017 è stato ripristinato lo stato d’emergenza e in cui, attraverso norme draconiane, arresti, sparizioni, torture e condanne le voci critiche e la stampa indipendente sono state ridotte al silenzio. Patrick Zaky è uno dei simboli di questa stretta: in carcere da più di 200 giorni, accusato di incitamento alla protesta e terrorismo, lo studente dell’Università di Bologna paga solo per il suo attivismo in favore dei diritti umani. In Italia la mobilitazione per Patrick è intensa. Amnesty International Italia, il Festival dei Diritti Umani e Articolo21 continuano a chiederne la scarcerazione e, nell’attesa hanno lanciato l’idea di farlo volare metaforicamente fuori dalla prigione. Come? Con un aquilone, uno di quelli vietati in Egitto.

L’idea è diventata concreta grazie all’Associazione Cervia Volante che ha costruito l’aquilone, all’artista Gianluca Costantini che ha realizzato il disegno che ritrae Patrick e al Comune di Cervia che ha appoggiato l’iniziativa. L’aquilone con l’immagine di Patrick Zaky volerà sabato 12 settembre, alle 14.30, nel corso dell’iniziativa Sprint Kite, a Tagliata di Cervia. Prima del volo i promotori dell’iniziativa incontreranno la stampa e il pubblico alle 10.30 al Bagno Sabrina, sempre a Tagliata di Cervia (Viale Sicilia, 99). L’iniziativa ha il prezioso patrocinio dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, l’ateneo che Patrick Zaky frequentava e che spera di rivederlo presto tornare agli studi, oltre che del Comune di Cervia.