Volontari della mensa al lavoro

38 volontari disponibili: la mensa e il dormitorio ripartono con nuove forze, nel ricordo vivo di don Ugo. “Nella riunione di lunedì sera sono arrivate diverse disponibilità – spiega Antonio Fantini, presidente dell’associazione San Rocco – e così siamo ripartiti ieri con un bel clima. C’è sempre stata cordialità nella nostra mensa ma ora cerchiamo di metterci ancor più impegno.

Non diamo solo un pasto ma anche relazioni: questo ci ha sempre insegnato don Ugo”. Basta un gelato, a volte, per far tornare un sorriso: nella mensa di San Rocco, come in quella della Caritas (lo abbiamo raccontato qui) non si punta a sfamare solo la pancia ma anche il cuore.

120 circa le persone che son arrivate in via Renato Serra ieri, nel primo giorno di apertura della mensa (mentre il dormitorio riaprirà domani, 3 settembre), più alcune persone che hanno chiesto l’asporto: “Un po’ meno di quelle che avevamo in periodo di lockdown ma sono sicuro che da domani tornerà il solito tran tran”.

Sono state confermate tutte le misure di prevenzione del contagio da Covid-19 che erano già state messe in atto fino a luglio: “Distanziamento, sanificazione delle mani, mascherina. E per entrare nel dormitorio serve il tampone negativo. Sappiamo bene che il mancato rispetto di queste norme rischia di farci chiudere e non vogliamo rischiare”