Le associazioni di categoria del commercio e dell’artigianato della provincia di Ravenna –  Confesercenti, Confcommercio, CNA e Confartigianato – hanno incontrato, in videoconferenza, nella mattinata di oggi, venerdì 30 ottobre, il Prefetto Enrico Caterino che ha gentilmente e celermente accolto la richiesta di confronto del mondo delle piccole e medie imprese per  rappresentare lo stato di grande difficoltà e disagio che caratterizza in modo drammatico i settori interessati dal Dpcm del 24 ottobre.

“Le associazioni hanno rappresentato la gravissima crisi economica – si legge nella nota congiunta diramata dalle associazioni stesse – attraversata da tante piccole e medie imprese, che le espone pericolosamente al rischio di piegarsi a forme di prestiti rilasciati fuori dalla legalità, con il rischio di demolire rapidamente quella tipologia di imprese ed imprenditori che hanno sempre costituito la forza e la specificità di questo territorio. L’ultimo provvedimento legislativo contribuisce ad acuire lo stato di tensione crescente nelle categorie, ma da tutti è stato condivisa la necessità di impegnarci assieme, anche con i Sindaci del territorio, per difendere la tenuta sociale delle nostre comunità“.

Il Prefetto ha invitato le associazioni a “richiamare i nostri associati ad una particolare attenzione nel rispettare le disposizioni previste dal Decreto – continua la nota congiunta – pur comprendendo la situazione di difficoltà che esse stanno vivendo. In questo senso, in continuità con le modalità adottate fino ad ora, le Forze dell’Ordine svolgeranno prioritariamente un ruolo informativo e preventivo. Le associazioni manterranno una costante linea di informazione e contatto con la Prefettura per garantire tutti gli interventi necessari e sono impegnate a redigere un documento unitario da consegnare al Prefetto affinché lo possa inoltrare alla Presidenza del Consiglio”.