La Messa alla Madonna del Pino di domenica scorsa

Quasi 150 persone hanno partecipato, domenica scorsa, alla Processione del Voto raggiungendo il Santuario della Madonna del Pino a Cervia: un ulteriore segno della devozione dei cervesi verso questo luogo e l’immagine della Madonna che vi è conservata. “Avevo preparato un’ottantina di ostie per la Messa – racconta il parroco della Concattedrale Santa Maria Assunta, don Pierre Laurent Cabantous – e ne ho dovuto spezzare per darle a tutti i fedeli che hanno fatto la Comunione: segno certamente di una devozione viva nei cervesi (pochissimi i turisti ancora in città -ndr) e anche, forse, di un momento storico nel quale molti sentono di affidarsi alla Madonna”.

Questo gesto, naturale, di fede e tradizione, potrebbe essere più agevole nel prossimo futuro: proprio ieri è stata confermata la notizia di una trattativa tra Anas e Comune per l’agognata variante alla Statale 16 che toglierebbe la maggior parte del traffico dall’arteria che passa accanto al Santuario. La Variante è stata approvata in Consiglio comunale: l’accordo prevede il finanziamento da parte di Anas dell’opera, del valore di 8 milioni di euro. Sarebbe poi il comune ad avviare e sovrintendere ai lavori.

Il problema del traffico attorno al Santuario della Madonna del Pino è annoso, tanto che a un certo punto si è pensato anche di spostare la chiesa: ipotesi irrealizzabile per varie ragioni. Ma, oltre alla pericolosità data dal traffico per chi si reca al Santuario e al rischio di danneggiare l’antica struttura, la presenza di un’arteria così importante pone anche grossi problemi di accessibilità, soprattutto durante le processioni. La nuova variante potrebbe assicurare a Cervia un nuovo ingresso a Milano Marittima, dal parco naturale e appunto la salvaguardia del Santuario.

Tale notizia è, senza dubbio, motivo di tanta gioia per la comunità cristiana di Cervia che ha, appena domenica scorsa, celebrato la Processione del voto – spiega don Pierre Laurent –. Ci auguriamo che le trattative tra Comune e Anas giungano a buon fine e che si possa vedere realizzato, quanto prima, il progetto della variante. Il santuario della Madonna del Pino rappresenta la città ed è nel cuore di tutti i cervesi. La realizzazione di tale progetto comporterà, certamente, un ulteriore e prezioso valore aggiunto per il richiamo turistico, ma – permettetemi di dirlo – vedo in ciò anche un segno della materna premura della S. Vergine Maria per la città di Cervia”.

Il Santuario della Madonna del Pino è probabilmente l’edificio più antico di Cervia, dove è sepolto l’ultimo vescovo della diocesi cervese, Federico Foschi.