Il cardinale Gualtiero Bassetti (Foto Siciliani/Gennari - Sir)

“Desidero ringraziare il Signore per essermi accanto, con la Sua misericordia, in questo momento di prova. Ringrazio l’Azienda Ospedaliera di Perugia ‘Santa Maria della Misericordia’ e il personale sanitario che si stanno prendendo cura di me e di quanti sono ammalati. Ringrazio quanti mi sono vicini con la preghiera e l’affetto. Raccomando a tutti di continuare a pregare per quanti soffrono e vivono situazioni di fatica. Affido tutti alla Madre di Dio, Maria, perché interceda per i suoi figli”. È il messaggio dall’ospedale del cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, che ieri è stato trasferito dalla struttura di Terapia Intensiva 2 alla degenza ordinaria di Medicina d’Urgenza Covid 1.
La Direzione Sanitaria, nel bollettino quotidiano, “conferma il lieve miglioramento osservato ieri. Buoni i parametri respiratori e cardiocircolatori. Continua ossigenoterapia e restante piano di trattamento”.

Accogliamo con soddisfazione la notizia che il nostro cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti ha lasciato il reparto di Terapia intensiva Covid 2, per essere nuovamente curato presso la struttura di Medicina d’Urgenza Covid 1 dell’Ospedale ‘Santa Maria della Misericordia di Perugia’ dove era stato ricoverato lo scorso 31 ottobre”. A dirlo, nel comunicare la notizia alla comunità diocesana perugino-pievese, è il vescovo ausiliare mons. Marco Salvi, ancora positivo asintomatico al Covid-19. “È una notizia confortante sapere che il card. Bassetti sia stato appena dimesso dalla Terapia intensiva – commenta mons. Salvi –, perché conferma il ‘lieve miglioramento’ del suo stato di salute annunciato dai medici nel bollettino diramato il 13 novembre dalla direzione dell’Ospedale”.

Fonte: Sir