Il gioco di luci a Mima Wonderland



Si accendono oggi, venerdì 20 novembre, alle 17, le luci natalizie su Cervia e Milano Marittima.

A Natale Milano Marittima diventa “MiMa Wonderland”, un vero paese delle meraviglie da vivere in tutta la sua magia, fatto di suggestive decorazioni, giochi di luci e grandi installazioni. Ogni viale o piazza gode di un’illuminazione a tema, unica e meravigliosa: la celebre Rotonda 1° Maggio, nel cuore della città, ospita una corona di luci con grandi decorazioni a spalliera, le centrali via Matteotti e via Gramsci invece vedono alberi decorati con luci d’oro, viale Ravenna accoglie l’installazione di grandi alberi di luce bianca, piazzetta Corsica è dominata da un giardino primaverile tridimensionale di fiori luminosi, viale Romagna infine, viene addolcita con brillanti caramelle colorate. Ad impreziosire questo “Paese delle meraviglie” anche due imponenti renne luminose, un grande albero di natale e uno speciale progetto artistico, a cura degli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera per il centenario della località, che vede la proiezione di una natività sulla scenografica facciata della chiesa Stella Maris. Per il terzo anno consecutivo la Cooperativa Bagnini di Cervia conferma le luminarie sul Lungomare di Milano Marittima che si trasforma in un luogo dove poter passeggiare in sicurezza, tra decine di archi luminosi che si snodano lungo l’elegante promenade, ed è reso ancora più suggestivo grazie all’atmosfera creata dalle calde luci di Natale scelte dalla Cooperativa, che permettono di percorrerlo anche d’inverno per ammirare il mare dal tramonto, fare una passeggiata romantica, praticare la corsa, nei limiti delle normative sul coronavirus.

A “Cervia accende il Natale“, non è solo un hashtag, ma la parola d’ordine per il borgo storico. Dove le luci dei negozi si fondo con quelle del Natale, offrendo una opportunità di svago e shopping immersi nella spettacolarità del Natale. Il centro di Cervia è ravvivato da luci calde, che ben sia sposano con i colori caratteristici del borgo cittadino. Gli addobbi si spingono da viale Roma fino al lungomare e Borgomarina. Giganti strutture luminose, e alberi decorati di luci si snodano lungo il percorso, fino ad arrivare alle vele caratteristiche della araldica marinara, tipiche cervesi. Sul porto canale il presepe sull’acqua situato su una burchiella storica segna l’ingresso al vecchio Corso dei Pescatori, famoso oggi per i suoi ristoranti, dove vi erano le antiche case dei pescatori. Mentre al centro della settecentesca piazza Garibaldi scintilla il luminoso albero di Natale, che quest’anno è stato donato dal Comune di Pinzolo-Madonna di Campiglio alla città. L’abete rosso come sempre fa parte dei tagli selettivi che avvengono nell’ambito di rimboschimenti e coltivazioni realizzate con criteri di ecosostenibilità. Attorno verrà sviluppata nelle prossime settimane una cartolina verde, con sculture e oggetti d’arredo, unica nel suo genere.

A Pinarella i viali di accesso e Piazza Premi Nobel verranno colorate da luminarie dai colori caldi, mette Babbo Natale e la Befana consegneranno a Tagliata panettone e spumante a tutti gli over 80, e un regalo a tutti i bambini, per non rinunciare alle tradizioni del Natale. 

“Abbiamo dovuto riadattare il progetto del Natale, speravamo di riuscire ad offrire un programma più articolato, fatto anche di mercatini e iniziative, ma visti gli attuali DPCM in vigore abbiamo dovuto puntare tutto sulla magia delle luci – dichiara l’Assessore agli eventi Michela Brunelli – e sulla bellezza delle vie dello shopping. A breve partirà anche una campagna di promozione dedicata proprio allo shopping, e che in questo momento sta ultimando Cervia Turismo. Fare shopping illumina le nostre giornate e ci permette di ritrovare tra gli addobbi e le enormi strutture luminose, un’armonia e la gioia tipica delle festività. Sarà un Natale scintillante e vivo e noi come Amministrazione Comunale saremo accanto ai nostri commercianti, agli albergatori e ai ristoratori nella speranza di dare loro tutto il sostegno possibile. Per questo chiediamo anche a tutti i cittadini di acquistare nei negozi dei nostri centri commerciali naturali, nelle piccole botteghe, nei luoghi vivi e caratteristici della nostra città”.