Duna di sabbia
Tra i costi dei servizi anticipati dalla Cooperativa ci sono quelli dell'innalzamento della duna protettiva

Un anno di moratoria per il pagamento di una porzione rilevante, che ammonta a 600.000 euro, dei costi delle prestazioni erogate alla comunità degli stabilimenti balneari di Cervia: è la decisione presa dalla Cooperativa bagnini che ha comunicato ai soci lo slittamento di 12 mesi della terza quota-costi relativa al 2020. L’intervento è teso a sostenere le imprese associate in un momento di crisi come quello attuale, e futuro, causato dal Coronavirus.

“Un corretto governo dei costi di esercizio, relativo alle forniture dei servizi, un’equilibrata gestione dei costi aziendali – si legge nel comunicato diramato dalla cooperativa – e un’equa retribuzione per il direttore ammnistrativo e per i diretti collaboratori, hanno contribuito a confermare negli anni elevati ratings di affidabilità creditizia permettendo così di intervenire con questa manovra straordinaria. La moratoria è infatti un sostegno concreto per i 200 imprenditori balneari cervesi che potranno così posticipare di un anno una rilevante parte delle spese dei servizi di spiaggia della stagione 2020″.

La Cooperativa bagnini di Cervia ricorda, poi, di avere sempre “onorato le scadenze di tutti i debiti con i fornitori, così come gli stipendi dei dipendenti nonché la regolarità contributiva i cui pagamenti sono stati assolti puntualmente”, e come lo sforzo impiegato assuma “una particolare rilevanza contando che anche l’attività progettuale di ricerca e di sostegno alla promozione turistica territoriale, attuata in collaborazione con l’amministrazione comunale, è stata confermata in un anno complicato come il 2020. Un impegno fiduciario con la comunità imprenditoriale di cui la Cooperativa è partecipe con orgoglio. L’attenta gestione economica e finanziaria ha quindi permesso di garantire l’operazione senza pregiudizio per gli equilibri contabili futuri”.

L’intervento straordinario di sostegno alle imprese associate alla Cooperativa bagnini è stato realizzato in partnership con BPER Banca S.p.A., istituto storicamente presente nel territorio che, anche in questa circostanza, “ha voluto trasmettere piena fiducia al comparto balneare sostenendo con efficacia e pragmatismo un ruolo di centralità nell’economia turistica non solo cervese”, conclde la nota.