Il calo c’è ed è rilevante, almeno in provincia di Ravenna. Il bollettino giornaliero diramato dall’Ausl recita 82 nuove positività: è il dato più basso di novembre ma anche il più basso dal 26 ottobre a oggi. L’Ausl, però, specifica che “le variazioni significative che si stanno verificando in questi giorni sono dovute anche a problematiche di ordine logistico legate alla processazione dei campioni”. Giusta sottolineatura ma vedere un numero così nel primo giorno in cui è entrato in vigore l’ultimo Dpcm, con l’Italia divisa in tre zone colorate di rischio, aiuta a guardare con fiducia a queste nuove restrizioni.
In ogni caso si tratta di 43 asintomatici e 39 con sintomi; 79 in isolamento domiciliare e 3 ricoverati. La maggior parte di questi nuovi casi (40) deriva dall’attività di contact tracing.
Oggi sono stati comunicati anche 10 decessi, che si sono però verificati nel corso dell’ultima settimana, buona parte dei quali già emersi sulla stampa locale. Il totale a oggi nel territorio ravennate è di 3.778, dei quali 1447 riguardano il comune di Ravenna.

In calo anche il totale giornaliero della Romagna, che registra 356 nuove positività, per un totale di 14.029: oltre ai casi del ravennate, ci sono i 197 della provincia di Rimini (di cui 86 sintomatici), quinta in regione oggi per numero di contagi, che fanno salire il suo totale a 5.422, i 59 di Forlì (di cui 49 sintomatici), per un totale territoriale di 2.755 e i 18 di Cesena (di cui 11 sintomatici), per un totale di 2.074.

E scende, amche se il dato si colloca al secondo posto nel mese di novembre, il totale delle nuove positività giornalier ein Emilia-Romagna: 1953 su un totale di 20.847 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi del 9,4%, rispetto al 10,7% di ieri. Vanno considerati, nell’attività di controllo, anche i 3.624 test sierologici.
Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 67.041 casi di positività. Il nuovo Rt regionale, l’indice di trasmissibilità del virus, è dell’1,57, in calo rispetto all’1,63 della scorsa settimana.

Dei nuovi contagiati, sono 932 gli asintomatici individuati in prevalenza (332) nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Per 533 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica. Tra i nuovi positivi 280 persone erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 347 sono state individuate nell’ambito di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 43,8 anni.
Ci sono poi 1757 casi attivi (cioè malati effettivi in più) – a oggi sono 33.730 – dei quali 1672 sono in isolamento a casa, il 94,5% dei casi attivi (complessivamente 31.880), mentre le persone complessivamente guarite salgono a 28.559 (+156 rispetto a ieri). E resta stabile il numero dei ricoverati in terapia intensiva (177, di cui 8 a Ravenna): nessun ingresso, dunque, nelle ultime 24 ore, mentre i ricoverati nei reparti Covid sono 1673 (85 in più rispetto a ieri).

Purtroppo, si registrano 40 nuovi decessi: un numero così alto non si verificava dal 29 aprile. Di questi, come visto sopra, dieci sono nel ravennate (sei donne di cui due di 94 anni e le altre di 93, 91, 86 e 71; quattro uomini di 91, 89, 71 e 63 anni), uno in provincia di Forlì-Cesena (una donna di 76 anni).